Al Bano, ancora dolore per il cantante: “Su quel camion c’era anche il suo corpo”

Al Bano e Maurizio Costanzo
Al Bano e Maurizio Costanzo

La difficile quarantena di Al Bano Carrisi

La quarantena per Albano Carrisi non è stata un periodo molto facile da superare per diversi punti di vista. Il cantante di Cellino oltre a doversi fermare a livello lavorativo ha perso anche un suo grande amico. Stiamo parlando di Detto Mariano, deceduto in piena pandemia a causa del contagio.

Proprio poche ore fa, il maestro ha deciso di raccontarsi a cuore aperto nel salotto di Bianca Berlinguer, confidando le sue paure in merito a quello che sta succedendo nel nostro paese. L’ex marito di Romina ha spiegato che durante la pandemia l’unico punto di svago per lui erano i viaggi che faceva per raggiungere Roma dove proprio insieme alla Power hanno preso parte ad Amici. Al Bano ha descritto per filo e per segno cosa ha provato in quei momenti, dichiarando anche quanto le è mancato la presenza del pubblico negli studi.

Al Bano racconta le sue paure

Al Bano durante l’ospitata a Carta Bianca si è lasciato andare a 360°. La sua lunga intervista è iniziata con un resoconto della sua quarantena nel cuore della Puglia. All’interno della sua tenuta è stato circondato dall’affetto e dalla presenza dalla sua famiglia. “Il vantaggio di vivere in campagna mi ha fatto sentire meno la tensione con il Coronavirus: spiega Albano. L’aria pulita e i famosi diecimila passi salutari”.

Si perchè durante la quarantena, l’artista pugliese con l’aiuto di Loredana Lecciso ha seguito una corretta alimentazione perdendo addirittura sette kili. Carrisi si è soffermato poi sulle sue paure che proprio per la sua età e gli acciacchi avuti in passato non lo lasciano tranquillo. “In tutta la mia vita ho sempre cercato di eliminare la parola paura, sono sempre sull’attenzione, accortezza… nella vita bisogna sempre avere coraggio, coraggio di andare avanti”.

Il drammatico addio a Detto Mariano

Come già detto in precedenza, la quarantena di Al Bano è stata molto difficile. Durante la pandemia ha dovuto dire addio al suo amico e collega Detto Mariano morto proprio a causa del Covid- 19.

Carrisi con molta commozione ha spiegato che nulla è più come prima. In particolar modo non dimenticherà mai quei camion che trasportavano le bare con i cadaveri da un paese all’altro. “Sembrava di essere davvero durante la terza guerra mondiale, ha dichiarato. E proprio tra quei cadaveri c’era anche quello di Detto Mariano…

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!