Figlio si arrampica fino alla finestra per vegliare la madre morente [FOTO]

Un ragazzo è stato beccato ad arrampicarsi sul davanzale della finestra di una stanza d’ospedale. Sedendosi lì veglia su sua madre morente per trascorrere del tempo a distanza con lei. Ha fatto tutto ciò fino alla morte della donna.

Madre morente: figlio non vuole lasciarla e le sta vicino così

Al- Suwaiti , 30 anni, non ha mai avuto il permesso di visitare la sua anziana madre, che era risultata positivo al coronavirus. Rifiutandosi di lasciare la sua povera madre sola nella sua stanza, Al- Suwaiti- da Hebron in Palestina , dove ci sono stati 9.744 casi di coronavirus e 67 morti – ha avuto un’idea coraggiosa e ha deciso di rischiare così.

Il giovane è riuscito a parlare con la sua povera madre attraverso la finestra, seduto sulla sporgenza esterna. Ha passato del tempo con lei mantenendo la distanza di sicurezza. Da quella piccola sporgenza della finestra, Al- Suwaiti è stato in grado di essere lì solo per sua madre e tenerla d’occhio, rimanendo al suo fianco giorno e notte.

Commozione dall’ospedale per quel gesto dolce

In una intervista, un addetto dell’ospedale ha dichiarato: “Ha trascorso la maggior parte della sua giornata lì, osservando le condizioni di sua madre da fuori dalla finestra, prima di scendere quando era convinto che sua madre stesse dormendo profondamente”. Secondo il fratello di Al- Suwaiti , pare che il giovane trovasse difficile accettare la malattia di sua madre. Quest’ultima infatti aveva prima combattuto la leucemia per poi scoprire di aver contratto il covid. Al- Suwaiti è il “figlio minore” ed è molto legato alla madre. Il loro rapporto si è consolidato dopo la morte del padre 15 anni fa. Purtroppo la donna, Rasma Salama, non ce l’ha fatta ed è morta qualche giorno fa.

Le foto del giovane fa il giro del web

L’immagine di Al-Suwaiti sul davanzale della finestra ha iniziato a circolare online e presto divenne virale. Un post, accompagnato da un’illustrazione commovente che mostrava la madre di Al-Suwaiti come un angelo, ha più di 205.000 Mi piace e 76.000 Retweet.

Molte persone hanno commentato condividendo le proprie esperienze della perdita di un genitore. Qualcuno ha scritto: “Mi dispiace tanto. Ho perso anche mia mamma 2,5 anni fa. Metà della tua energia, anima e respiro. Odio il fatto che capiamo questo. I spero che tu guarisca un po ‘di più oggi “.
Un altro ha aggiunto: “Sono passati 4 anni da quando ho perso la mia mamma e 7 mesi da quando ho perso mio padre. Nessuno ti prepara per rimanere senza genitori. Mi sento libero, nel peggiore dei modi.”

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Alessia D'Anna: