Fabio Rovazzi inghiottito dal buio, tutte le rivelazioni del cantante

Fabio Rovazzi

Rovazzi e la quarantena, il periodo più difficile della sua vita

Rovazzi ha rotto il silenzio ed ha spiegato cosa sta succedendo nella sua vita dato che chi lo segue si è reso conto che in lui c’è qualcosa che proprio non va. Il periodo della quarantena è stato per lui un incubo, lo ha vissuto malissimo. Avrebbe tanto voluto regalare anche quest’anno una canzone estiva per scatenare il popolo che ama la musica ma quest’estate non è stato possibile.

Da anni le nostre estati musicali sono state segnate dalla sua musica, a partire dal 2016 con Andiamo a comandare, fino ad arrivare al 2019, con la canzone Senza pensieri. In qualche modo è sempre riuscito ad animare la stagione più bella dell’anno con una delle sue musiche più brillanti. Quest’anno però sta andando davvero male a causa dei suoi problemi personali causati dal coronavirus. La quarantena lo ha messo con le spalle al muro, così oggi ha deciso di aprire il cuore al pubblico.

Rovazzi, impossibile fare musica in questo stato d’animo: per quest’anno ha preferito la rinuncia

Rovazzi ha affermato che la quarantena per lui è stata un vero incubo, lo ha travolto nel buio, lo ha cambiato del tutto, lo ha devastato. Nonostante tutto può dire che questa è stata una bella occasione per lui per fermarsi un attimo a riflettere sulla vita, su ciò che ha priorità, su ciò che per lui è realmente importante. Spesso soprattutto di questi tempi si cerca di dare valore a ciò che in realtà è molto più superficiale e meno importante. Si tralasciano le cose realmente vere e fondamentali.

Quest’anno dopo la sua lunga riflessione avrebbe potuto fare come gli altri anni, salire sul palco e improvvisare. Ma mentre fino a qualche tempo si sarebbe potuto permettere di fingere facendo uso della sua grandiosa capacità di trascinare il pubblico, quest’anno non avrebbe potuto semplicemente perchè non è dell’umore. E’ troppo sincero per fingere anche perchè la sua musica nasce dalle emozioni, dai sentimenti e sarebbe nato sicuramente un pezzo strappalacrime del quale in questo momento il popolo italiano e mondiale non ha assolutamente bisogno.

La scomparsa del nonno ha reso tutto molto più difficile

In realtà per Rovazzi questo è stato uno dei periodi più difficili ed indimenticabili della storia anche perchè proprio in questi mesi ha perso il nonno a cui era tanto legato. Non ha ancora metabolizzato la scomparsa tanto drammatica.

Il nonno è morto a causa del coronavirus, per questo non riesce a mantenere la calma di fronte a qualcuno che afferma che il virus non esiste e non è mai esistito. In quel caso, dice, avrebbe voglia di zittire a forza di testate.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Giusy: Sicula Doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.