Giada Pezzaioli shock: ‘Mi avevano diagnosticato un aborto e non era vero’

Problemi per la gravidanza di Giada Pezzaioli. Ecco che cosa è successo

Giada Pezzaioli: problema in gravidanza

Giovanni Conversano e Giada Pezzaioli avevano annunciato pochi giorni fa di aspettare un secondo bambino, dopo Enea. La coppia era felicissima di questa gravidanza, tanto che ne avevano parlato ai giornali e sui propri profili social. Qualche giorno fa, però, Giada, attraverso le sue Instagram Stories ha rivelato un problema che è accaduto a due settimane dalla scoperta di essere incinta.

Giada si trovava in giardino con suo figlio ed era da poco rientrato anche Giovanni. All’improvviso Giada ha sentito un forte dolore al ventre e i dolori del ciclo e poi ha iniziato a perdere sangue. Questo l’ha spaventata moltissimo e con Giovanni si è recata immediatamente al pronto soccorso. Lì ha visto una dottoressa di cui Giada ha parlato molto male. Ha detto che non dovrebbe fare il lavoro che fa, perchè è stata davvero disumana. Nel chiedere che cosa è successo e in quante settimane era, questa dottoressa alla risposta “sei settimane”, ha poi detto “Ah va bene”.

Giada aveva già esperienza con dottori scortesi, ma nelle condizioni in cui era sentire che la dottoressa le ha dato quella risposta in modo del tutto disinteressato, come fosse normale quello che stava accadendo, l’ha sconvolta. La dottoressa poi ha detto che non si vedeva nulla, nè camera gestazionale, nè sacco vitellino, quindi Giada aveva avuto un aborto.

Giovanni, però, era in contatto con i suoi zii che sono dei medici e ha chiamato uno di loro, in particolare, che è proprio ginecologo. Questo zio è intervenuto personalmente, ha visto le analisi di Giada e le ha ripetuto la visita. Non c’era nessun aborto ma soltanto una minaccia in corso. A quel punto Giada doveva solo stare a riposo e seguire una terapia ben precisa e la situazione sarebbe migliorata.

Tutto risolto

Per fortuna da lì in poi le cose sono andate bene. Giada ha seguito le indicazioni del medico e poi ha svolto un’ecografia. La lesione si è riassorbita e il cuore del bambino batteva forte e in modo sano. Giada ha espresso tutta la sua felicità per come sono andate le cose, anche se ha scoperto che è una cosa che capita spesso.

Ovviamente, la felicità di sentire il battito di suo figlio è stato anche accompagnato da una profonda rabbia nei confronti di quella dottoressa che all’inizio ha sbagliato la diagnosi gettando Giada e Giovanni e tutta la famiglia nel terrore. Voi che cosa ne pensate di questa vicenda?

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!