Sos sulla spiaggia salva marinai scomparsi bloccati sull’isola

SOS sulla spiaggia

Un sos sulla spiaggia scritto nella sabbia ha salvato dei marinai scomparsi e bloccati su una piccola isola nel mezzo dell’Oceano Pacifico

SOS sulla spiaggia: il naufragio dei marinai

Il gruppo di marinai stava tentando di navigare tra gli atolli Poluwat e Pulap, un viaggio di soli 42 chilometri, quando oltre che perdere la strada sono rimasti pure a corto di carburante. Sono finiti sull’isola di Pikelot il 30 luglio, circa a 90 chilometri a ovest di dove avrebbero dovuto essere.

Per fortuna, domenica scorsa (il 2 agosto), il segno dei marinai è stato individuato dagli aerei australiani e statunitensi. E i tre uomini sono stati salvati. Tutto grazie a quell’Sos sulla spiaggia scritto nella sabbia.

I marinai stanno tutti bene

I marinai hanno dovuto sottoporsi a dei controlli di identità e di salute. E secondo quanto riportato dai media del posto, pare che il gruppo stia bene. Secondo i rapporti, il 1 ° agosto, il Centro di soccorso e coordinamento di Guam aveva richiesto l’assistenza della Forza di difesa australiana, dopo aver appreso che il gruppo era scomparso. L’HMAS Canberra si è solidalmente unito quindi al gruppo di ricerca. E dopo aver collaborato con un aereo statunitense con sede a Guam, fu in grado di localizzare i marinai scomparsi.

Resta inteso ora che una nave di pattuglia micronesiana, FSS Independence, è in rotta per prendere gli uomini e portarli in salvo. Parlando del drammatico incidente, il comandante della forza di difesa di Canberra, Terry Morrison, ha elogiato l’impegno messo dagli agenti australiani.

In una dichiarazione, il Capitano Morrison ha dichiarato: “La compagnia della nave ha risposto alla chiamata e ha preparato rapidamente la nave per supportare la ricerca e il salvataggio. Ina squadra di soccorso è sbarcata sull’isola per portare cibo e acqua agli uomini.

In particolare, il nostro elicottero MRH90 imbarcato dal n. 808 Squadron e i quattro elicotteri da ricognizione armati del 1° reggimento aeronautico sono stati fondamentali nella ricerca mattutina che ha aiutato a localizzare gli uomini e fornire rifornimenti e confermare il loro benessere. Sono orgoglioso della risposta e della professionalità di tutti a bordo mentre adempiamo al nostro obbligo di contribuire alla sicurezza della vita in mare, ovunque ci troviamo nel mondo”.

Incide i del genere avvengono spesso nel pacifico. Nel 2018, tre uomini sono stati salvati da una piccola isola del Pacifico dopo che la loro barca si è capovolta durante una normale navigazione di tre ore dall’isola di Weno a Chuuk, in Micronesia.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!