Kurt Cobain: arriva il documentario “Montage of heck”

Documentario Kurt Cobain

Sono trascorsi otto anni e, finalmente, il regista Brett Morgen è riuscito a portare a termine il documentario su Kurt CobainMontage of heck sarà il titolo del film che sarà presentato al Bif&st sabato 21 marzo, in anteprima italiana. Il documentario, sarà nelle sale il 24 – 25 marzo, distribuito da Universal Pictures.

Rispetto ai lavori precedenti sull’ex leader dei Nirvana, il documentario sarà colmo di momenti inediti. E’ stato lo stesso Morgen a dichiarare di aver realizzato un “ritratto umanistico” del musicista e di aver speso ben sei anni di lavoro per trovare la giusta chiave d’accesso a materiale personale e artistico rimasto finora oscuro.

Ciò che mancherà, all’interno della pellicola, saranno infatti le ultime 48 ore di vita di Cobain. Quel tragico momento in cui il cantante avrebbe deciso di togliersi la vita, con un colpo alla testa, il 5 aprile 1994.

Quando ho iniziato a raccogliere materiale – ha dichiarato Morgen, che ha diretto il documentario sui Rolling Stones Crossfire Hurricanepensavo che non ci fosse molto di inedito da scoprire. Ma una volta che ho avuto accesso al’archivio di Kurt ho scoperto circa 200 ore di musica e di registrazioni audio mai pubblicate, un gran numero di sculture e pitture a olio, moltissimi video e super 8 casalinghi mai visti, fotografie e quasi 4000 pagine di scritti che mesi insieme regalano il ritratto di un artista che raramente si è davvero svelato ai media“.

Il film, prodotto dalla figlia di Cobain e Courtney Love, Frances Bean Cobain, rappresenta il primo documentario autorizzato sul cantante dei Nirvana.

Frances Bean Cobain su Montage of Heck

Il titolo del documentario è tratto da alcuni nastri realizzati da Cobain alla fine degli anni ’80 facilmente ascoltabili in rete, contenenti registrazioni di canzoni, programmi tv e altri audio sparsi, assemblati senza ordine preciso.

Prima di Morgen, almeno due registi si erano cimentati con documentari su Cobain: nel 1998 l’inglese Nick Broomfield aveva realizzato Kurt & Courtney, incentrato soprattutto sulla cronaca della morte, mentre nel 2006 è uscito About a son di AJ Schnack, un lavoro basato su una lunghissima intervista a Kurt (più di 25 ore di registrazioni) realizzata dal giornalista Michael Azerrad.

C’è grande attesa, quindi, per il documentario che mostrerà ciò che i fan ancora non conoscono, quel lato umano mai visto del frontman dei Nirvana che ha cambiato la storia del rock.