Colonia di pinguini scoperta in Antartide grazie a nuovi satelliti

colonia di pinguini scoperta in Antartide (foto d'archivio)

Nuove immagini satellitari hanno rivelato l’esistenza di una nuova colonia di pinguini. Siamo in Antartide, e pare che di base qua già ci sia il 20% in più di colonie di pinguini imperatori di quanto si pensasse in precedenza. In totale la popolazione complessiva del continente supera il mezzo milione.

Colonia di pinguini: gli scienziati e le loro teorie

Gli scienziati del Antar britannico Survey (BAS) hanno usato la mappatura satellitare tecnologia per esplorare i pinguini nella zona. Grazie a questa nuova tecnologia i ricercatori hanno scoperto una nuova colonia di pinguini. In totale ce ne sono undici in più, tre delle quali avevano già attirato l’attenzione degli scienziati (che però non ne avevano mai dato conferma).

I risultati dello studio portano il censimento globale dei pinguini imperatore a 61 colonie intorno all’Antartide, che ora si ritiene ospitino tra 265.500 e 278.500 coppie riproduttive. I ricercatori, che hanno utilizzato le immagini della missione satellitare Copernicus Sentinel-2 della Commissione europea per localizzare i pinguini, hanno affermato che la straordinaria scoperta aiuterà a monitorare l’impatto dei cambiamenti ambientali sulla popolazione degli uccelli.

La dichiarazione dei ricercatori su questa new entry

L’autore principale dello studio, il dott. Peter Fretwell, geografo di BAS, ha dichiarato: “Questa è una scoperta emozionante. Le nuove immagini satellitari della costa dell’Antartide ci hanno permesso di trovare queste nuove colonie. E sebbene questa sia una buona notizia, le colonie sono piccole. E quindi il conteggio della popolazione totale aumenta dal 5 al 10 percento fino a poco più di mezzo milione di pinguini, ovvero da 265.500 a 278.500 coppie riproduttive”.

Il pinguino imperatore è una specie vulnerabile, e risente della perdita di ghiaccio marino, che è noto per essere il loro habitat di riproduzione preferito. E con le preoccupanti attuali proiezioni sui cambiamenti climatici, gli scienziati temono che il loro habitat sia destinato a declinare. La maggior parte delle colonie appena scoperte si trova ai margini della gamma riproduttiva dei pinguini ; luoghi che potrebbero andare persi man mano che il loro clima continua a mutare a causa del riscaldamento globale. Secondo i ricercatori ora si deve osservare attentamente questo nuovo gruppo di pinguini, poiché i cambiamenti climatici influenzeranno questa regione ed è giusto capire se possa o meno esistere un modo per salvarli.

Sono state trovate numerose colonie al largo per un raggio di oltre 180 km. Esse sono situate sul ghiaccio marino che si è formato intorno ad iceberg che si erano radicati in acque poco profonde. Queste nuove colonie sono una scoperta sorprendente nel comportamento della specie, hanno detto gli scienziati.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Alessia D'Anna: