5 fattori essenziali per creare un Home Studio Recording

home-studio-recording

Con una piccola somma di denaro puoi acquistare la giusta attrezzatura per allestire uno studio di registrazione di qualità professionale, in casa propria.

Ecco i cinque strumenti di base che ogni home studio ha bisogno:

1. Un dispositivo di registrazione

Per una perfetta di registrazione digitale e necessario un buon dispositivo.
Se siete seriamente intenzionati ad allestire un home studio recording, si dovreste pensare all’acquisto di una scheda audio fatta esclusivamente a tal fine, con un alta qualità del convertitore audio digitale (DAC) , ingresso microfonico, preamplificatore  e  uscita MIDI.

Per registrare la musica sul vostro computer, avrete anche bisogno di Sequencer.
Questo è un software che registra sia audio analogico da un microfono o strumento, sia dati MIDI da strumenti elettronici.
Tale software consente facilmente e di mixare tracce multiple, aggiungere effetti, file audio, ecc
Per audio professionale il sequencer più utilizzato è Pro Tools (viene fornito con la propria scheda audio), ma ci sono opzioni per tutte le tasche.

I computer attuali sono dispositivi molto versatili e potenti per le registrazioni.
Tuttavia, è possibile acquistare un dispositivo di registrazione digitale multi-traccia che registra su una scheda Flash compatta o addirittura masterizza direttamente su CD.

2. Un buon microfono

Non lesinare sul microfono.
Anche con tutta la magia del montaggio digitale e gli effetti, non si può fare molto con una sorgente di registrazione pessima.
Il miglior tipo di microfono per la registrazione di strumenti acustici e voce solista è il microfono a condensatore.
Per la voce, dovrete munirvi anche di filtro anti-pop , che protegge il microfono dalle fastidiose consonanti “p” ed “s”.

Per registrare una rock band completa avrete bisogna microfonare tutti gli strumenti separatamente, utilizzando in questo caso, microfoni dinamici.
Potete trovare discreti microfoni a condensatore per meno di 200 euro e microfoni dinamici intorno i 100€.

3. Altoparlanti e cuffie

Gli altoparlanti monitor sono diversi dai normali altoparlanti stereo.
Questi sono importanti in uno studio di registrazione perché trasmettono l’audio esattamente come viene registrato, senza “colorazione” delle frequenze.

E ‘comune registrare i brani in multi-traccia, ovvero, registrando ogni strumento separatamente:  prima batteria secondo il  basso, terzo le tastiere e via dicendo.
In questa fase è meglio utilizzare un paio di cuffie per ascoltare le tracce registrate in precedenza.

4. Un controller MIDI o sintetizzatore

Un sintetizzatore è tipicamente una tastiera elettronica che può essere programmato per riprodurre diversi tipi di suoni.
I sintetizzatori sono disponibili in diverse forme e dimensioni, come guitar synth, drum machine e non solo.

Un MIDI controller è come un sintetizzatore, ma in realtà non produce alcun suono da solo.
Lo strumento è letteralmente un controller che produce dati MIDI che possono essere utilizzati per far suonare altri sintetizzatori, siano esse basate su software o hardwareo.
Ad esempio, è possibile utilizzare un controller MIDI per riprodurre un plug-in tastiera elettronica come ProTools.
Oppure utilizzare un unico controller MIDI per riprodurre tutta una rete di sintetizzatori interconnessi e drum machine.

5. Un’interfaccia audio

L’interfaccia audio è come una scheda audio esterna.
Invece di collegare microfoni e strumenti digitali direttamente al computer, li si collega in questo box esterno a sua volta collegato al computer con un cavo, USB o Firewire.
L’interfaccia gestisce la conversione analogico-digitale.
Ciò è particolarmente utile per i laptop, che non hanno spazio per ulteriori schede PCI interne e in genere hanno processori più lenti.

Le interfacce audio sono dotate di un certo numero di pre-amp microfonici (da due a una dozzina) e le manopole per controllare il livello di registrazione di ogni microfono.
In generale, ogni strumento ha bisogna di un microfono (per la batteria almeno 3 microfoni separati), quindi bisogna cercare un’interfaccia con un numero sufficiente di pre-amplificatori per coprire le proprie esigenze.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!