Il Boss delle cerimonie perde il suo castello, ecco il motivo

Boss delle cerimonie
Boss delle cerimonie

Il Boss delle cerimonie di Real Time sta per affrontare un periodo difficile a causa del contagio da coronavirus

Il Boss delle cerimonie si appoggia ormai da tantissimi anni al castello delle cerimonie a Sonrisa. Il castello però in questi giorni è stato sottoposto a controlli a seguito di tre contagi interni allo staff. Tre persone sono risultate essere positive, quindi è partita immediata l’indagine epidemiologica su tutti coloro che sono stati a Sonrisa nelle ultime due settimane. Il coronavirus ha mietuto tantissime vittime in tutta Italia e non soltanto, a risentirne  sono state le strutture turistiche e tutte le zone maggiormente interessate dai viaggiatori.

Tutti coloro che amano vedere nuove zone ogni anno, nemmeno quest’anno data la situazione si sono tirati indietro. Così come nel caso del castello del Boss delle cerimonie molte altre strutture sono state chiuse. Le norme di distanziamento sociale non sono bastate perché i contagi si sono comunque verificati.

Il Boss delle cerimonie, eleganza, lusso, sfarzo, Real Time dovrà rinunciare a tutto questo per qualche tempo

Il Boss delle cerimonie usufruisce di un castello davvero fantastico, elegante, assolutamente da visitare, dove molti giovani, e non soltanto, scelgono di festeggiare il giorno delle nozze nello sfarzo e con cerimonie lussuose. Il ricevimento in genere è organizzato nel ristorante La sonrisa di Sant’Antonio Abate. Un castello che ha dato il nome al celebre programma che adesso subisce uno stop immediato.

Le persone contagiate dal coronavirus sono tutte appartenenti ad un unico nucleo familiare, nonostante tutto sono in buone condizioni di salute, non stanno malissimo. Dopo la scoperta è avvenuta immediata la chiusura della struttura: adesso i residenti dovranno rimanere in isolamento domiciliare per qualche settimana, mentre chi ha avuto a che fare con i contagiati dovrà sottoporsi al test sierologico prima possibile. In questo momento la regione Campania ha una mini zona rossa proprio dove le vittime del coronavirus risiedono.

Il messaggio sui social di Donna Imma Polese rassicura gli amanti del programma trash

Il proprietario del castello è venuto a mancare qualche tempo fa, Don Antonio; le redini da allora sono passate tra le mani della figlia Donna Imma Polese che ha spiegato tutta la situazione attraverso il suo profilo ufficiale Instagram. Ha ringraziato tutti per le calorose manifestazioni di affetto. Poi ha spiegato che il programma, lo staff, lei compresa stanno affrontando un periodo tanto difficile.

Dopo la scoperta dell’avvenuto contagio si sono parecchio spaventati, quindi si sono sottoposti ai tamponi. Qualcuno ha già avuto il risultato, qualcun altro dovrà aspettare ancora un po’ di tempo. Lei sa di essere risultata negativa, sta bene, come molti altri. Si spera sia la stessa cosa per tutto il resto dello staff. Poi ha aggiunto che il castello è stato prima sanificato e poi chiuso. Le porte verranno riaperte soltanto quando si avrà la certezza che tutto è passato. La situazione si risolverà presto, dice, si potrà tornare a breve a godere del trash.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!