Sharon Stone, l’annuncio che preoccupa i fan e le raccomandazioni dell’attrice

Sharon Stone
Sharon Stone

Sharon Stone, la sorella Kelly ha contratto il covid

Sharon Stone ha rivelato su Instagram che la sorella Kelly ha contratto il coronavirus. La donna in questo momento si trova ricoverata in ospedale e insieme a lei c’è anche il marito nelle stesse condizioni. L’attrice lo ha svelato ai follower direttamente su Instagram, puntando il dito contro coloro che non indossano la mascherina e confermando che portarla è simbolo di intelligenza e di rispetto.

Adesso Kelly non sta affatto bene, nonostante stia in una stanza d’ospedale aiutata da medici ed infermieri, sta malissimo anche perché ha il lupus, quindi le sue condizioni di salute risultano essere aggravate.

La colpa di tutto questo è di qualcuno che non indossava la mascherina e che l’ha infettata non essendo a conoscenza di essere asintomatico. Kelly non ha un sistema immunitario, è molto debole, frequenta soltanto le farmacie e forse è proprio lì che ha beccato il virus. In realtà la colpa è del suo Stato, dove i test non esistono. Coloro che chiedono di essere sottoposti al tampone, devono attendere prima che ci sia disponibilità e poi i risultati per i quali passano circa 5 giorni.

Sharon Stone sorella e cognato sono stati attentissimi eppure adesso sono ricoverati in pessime condizioni

Sharon Stone racconta che è difficile oltre che tanto triste sapere che la sorella ed ovviamente anche il cognato adesso stanno soffrendo per decisione altrui. Entrambi avevano deciso di continuare la quarantena nonostante tutto fosse “finito” proprio per cercare di salvaguardarsi.

Quindi mentre chiunque ha avuto l’opportunità di uscire, divertirsi, andare a ballare, partecipare a feste, fare shopping, lei non ha fatto altro che stare a casa con il marito. Anche se hanno fatto tanta attenzione e avuto parecchia pazienza, ora sono ricoverati in una stanza d’ospedale insieme a causa di qualcuno che ha deciso al posto loro che avrebbero dovuto soffrire.

Nessun test anti covid per coloro che sono entrati a contatto con la sorella di Sharon Stone ed il marito

Tra l’altro chi è stato a contatto con loro non ha avuto la possibilità di fare il test. Ciò che preoccupa è sapere che si tratta di persone sensibili e delicate tra cui la madre che è reduce da due infarti. Stessa cosa vale per le infermiere che si prendono cura di loro e di chi come loro, a stretto contatto in ospedale.

Usano i dispositivi di sicurezza ma spesso non bastano. In assenza di test rischiano la vita di tutti i giorni senza sapere se sono malati o meno, nella speranza continua. Poi ecco il messaggio finale: non si vota per gli assassini, la mascherina è d’obbligo, rispettosa nei confronti di se stessi e poi in secondo luogo degli altri.​

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!