Temptation Island Vip, ex partecipante critica il governo. E’ polemica

Temptation Island
Temptation Island

Ex partecipante critica il governo

L’imminente edizione di Temptation Island sarà condotto non da Filippo Bisciglia, ma Alessia Marcuzzi. Tutti i partecipanti hanno fatto le analisi per via del Coronavirus, in modo tale da stare tranquilli nel nuovo percorso televisivo. La prima coppia ufficiale è composta dalla tronista Sara Shaimi e il corteggiatore Sonny Di Meo.

Nonostante siano fidanzati da poco tempo, hanno deciso di mettersi alla prova. La loro presenza nel reality delle tentazioni ha scatenato il web perché sono ancora nella fase della conoscenza. In contemporanea un ex partecipante critica il governo per la pandemia. E’ polemica sul web.

‘Non andate a scuola, è pericoloso prendere i mezzi pubblici’

Ex partecipante critica il governo perché, a parer suo, non sta affrontando nel migliore dei modi la questione del virus. Si tratta di Damiano Coccia, noto come Er Faina, che non perde mai occasione di criticare i personaggi pubblici. Non a caso ci sono stati dei dissapori tra lui e Tina Cipollari, la quale non l’ha perdonato quando si sono visti nello studio di Maria De Filippi.

Nonostante avesse dubitato della veridicità del reality, ha voluto affrontare l’esperienza con la fidanzata. Alla fine non solo si è ricreduto, ma ha anche capito di modificare dei lati del suo carattere per il bene della relazione. Nelle ultime ore si è scagliato contro il governo per aver chiuso le discoteche.

Dice che è inutile dare la colpa ai giovani che attendono l’estate per evadere dalla quotidianità. Punta il dito contro gli incompetenti che non sanno prendere le decisioni giuste. Come se non bastasse ha rincarato la dose opponendosi alla riapertura della scuola perché è un rischio per docenti e studenti. Inoltre ha aggiunto che il contesto scolastico fa vomitare, dunque è peggio di quello della movida notturna.

‘Venditi l’orologio, tanto te lo abbiamo pagato noi’

Ex partecipante critica il governo senza peli sulla lingua e ciò gli procura spesso dei problemi con la legge. La denuncia più recente è partita dal ministro Boccia, il quale è stato accusato di incompetenza e avidità. Il suo orologio potrebbe sfamare famiglie intere, ma tende ad ignorare il popolo come la maggior parte dei politici. Il ministro ha garantito che l’eventuale risarcimento della denuncia verrà destinato all’emergenza del virus.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!