Sophie Marceau la mitica attrice de “Il tempo delle mele” afferma “periodo difficile”

Sophie Marceau
Sophie Marceau

Sophie Marceau, la bellissima attrice parla della sua vita negli ultimi anni

Sophie Marceau è una tra gli ospiti più interessanti di Techetechetè, il programmatore andato in onda ieri su Rai 1. L’attrice più conosciuta, la modella più bella al mondo, ha parlato della sua vita passata e del presente. È conosciuta per aver interpretato il ruolo di una giovanissima ragazza, Vic Beretton nel film Il tempo delle mele diventato un cult degli anni 90.

Il suo ruolo, la storia del film hanno cambiato la vita e l’immaginario collettivo degli adolescenti di ieri e di oggi. Ha fatto la storia del cinema e dello spettacolo. Ha iniziato nel 1990 e la sua carriera è proseguita benissimo, ha recitato per amore e passione. Spesso si entra a far parte del mondo dello spettacolo soltanto per una passione momentanea, poi si lascia tutto alle spalle.

Lei invece ha intrapreso questa carriera perché aveva una passione infinita per il cinema ed anche perché voleva lavorare. Specifica però che non è stata lei a cercare il cinema, ma al contrario. È una di quelle che dà il massimo e che si circonda di persone che come lei lavorano cercando di dare il 100% in tutto quello che fanno. Il ruolo di Vic le ha trasformato la vita, ai tempi aveva soltanto 15 anni, eppure era una delle attrici più richieste al mondo, per qualunque ruolo. Il tempo delle mele riuscì ad attirare l’attenzione di 8 milioni di spettatori francesi. Lei non poteva crederci.

Sophie Marceau lasciò la scuola per proseguire la carriera cinematografica

Sophie Marceau si è costruita da sola, ha iniziato da piccolissima, non aveva alcuna base, è cresciuta recitando, tra un esperienza e l’altra. Ai tempi aveva 15 ann,  questo significava continuare ad avere le responsabilità dei quindicenni, quindi andare a scuola ma allo stesso tempo lavorare. Lei non è riuscita perché condurre una doppia vita, vuol dire vivere nel disagio, nei conflitti continui.

Proprio a causa delle difficoltà di quegli anni, lei fu costretta a lasciare la scuola, fino a 16 anni visse un periodo molto duro, triste, doloroso che l’ha messa con le spalle al muro. Da allora ha recitato un film l’anno. I ruoli che le sono stati dati sono sempre stati diversi l’uno dall’altro. Lei non ha mai avuto un genere preferito, non ce l’ha nemmeno adesso. I film in cui sceglie di recitare sono di vario genere perché li sceglie soltanto in base alla trama. Se ne vale la pena accetta altrimenti no.

Ecco come Sophie sceglie i film ai quali prendere parte

I film per lei devono essere la rappresentazione della realtà, ecco perché le vanno bene sia quelli in cui si piange, sia quelli in cui si ride. La vita d’altronde è fatta di alti e bassi, un giorno si ha voglia di stare insieme ad altre persone, un altro giorno invece si ha voglia di rimanere da soli a riflettere.

Svela poi che le piacerebbe tanto far parte del mondo del teatro, è uno dei suoi più grandi amori. Le piacerebbe interpretare Giovanna D’Arco, uno dei personaggi storici che più la affascinano. Ha un debole per lei, una ragazza giovane, forte, ostinata, che oggi sarebbe diventata un idolo, un esempio per tutti.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!