Al Bano Carrisi svela un retroscena sul padre Carmelo: “Glielo avevo promesso…”

Al Bano Carrisi

Al Bano e il gossip sulle sue seconde nozze

Da qualche giorno Al Bano è finito di nuovo al centro della cronaca rosa per via delle sue presunte nozze con Loredana Lecciso. Stando al magazine Nuovo, addirittura ci sarebbe stato il consenso da parte della sua ex Romina Power durante una cena in famiglia a Cellino San Marco.

In questo periodo d’emergenza per il Covid-19, il Maestro non potendo esibirsi in giro per il mondo trascorre molto tempo nella sua tenuta in Puglia. In una recente intervista al periodico Eva Tremila, il cantautore è tornato a parlare del suo passato e della promessa che aveva fatto al padre Carmelo.

Il Maestro Carrisi ricorda il padre Carmelo

Intervistato dal periodico Eva Tremila, Al Bano ha parlato del suo grande attaccamento alla terra, in particolare a Cellino San Marco, luogo dove è nato e cresciuto. Le sue intenzioni sono quelle di non abbandonare mai quei luoghi dopo che da giovane fu costretto ad allontanarsi per inseguire il suo grande sogno.

Parlando col giornalista, l’ex marito di Romina Power ha confidato un retroscena: “La terrà e vita, io sono attaccato a questi campi, a questi posti e lo sarò sempre. Mio padre mi diceva agli inizi di non andare a Milano, di restare a lavorare i campi, ma io gli feci una promessa, che sarei ritornato in ogni caso da vincitore. Ho dimostrato che quando credo in una cosa in particolare, la porto fino in fondo”.

Al Bano e il ricordo su Padre Pio

Nel corso della lunga intervista per Eva Tremila, Al Bano ha ricordato anche la promessa fatta a papà Carmelo: “Ho promesso che sarei tornato in Puglia e avrei fatto il vino per lui. E così è stato. Per ora siamo sul milione di bottiglie di vino prodotte, ma vorrei pormi un obbiettivo: arrivare a 5 milioni di bottiglie. Il Covid-19 grazie a Dio non ha influenzato la vendita di vino”.

Subito dopo ha affrontato un altro argomento parlando del carisma nei confronti di Padre Pio. Quando era ragazzo, una volta ebbe la fortuna di ricevere la comunione in mano direttamente dal frate di Pietrelcina. “Indelebile, lo ricordo come fosse ieri: arrivati dal Santo con mia zia con la corriera avevo 11 anni. Provai una forte emozione e sono legato a Padre Pio da un legame particolare. Penso spesso a quel giorno”, ha raccontato il Carrisi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!