Diabete, La cura, Nuovo farmaco

Nuovo farmaco per il diabete
Nuovo farmaco per il diabete

Diabete, in uscita un nuovo farmaco contro il diabete di tipo 1. Entro la fine dell’anno dovrebbe essere in commercio. Si tratta di un preparato capace di contrastare la malattia, normalizzando il metabolismo e quindi fermando la malattia impedendogli di degenerare e quindi di provocare crisi ipoglicemiche ed altre patologia solitamente associate al diabete.

Il farmaco dovrebbe arrivare in commercio entro la fine del 2014, da poco ne è stata data pubblicazione sulla rivista specializzata Diabetes Care.

Il preparato, interagisce sulle “beta cellulose del pancreas”, che sono le cellule che producono insulina, nel diabete di tipo 1 queste cellule vengono distrutte dal proprio sistema immunitario.

Afferma Paolo Russo:

“Il principio attivo consente di normalizzare il metabolismo dei pazienti, preservandone le beta cellule del pancreas, che sono responsabili della produzione di insulina. Il farmaco interrompe quella catena perversa per cui il diabete provoca un impazzimento del sistema immunitario, che a sua volta distrugge le beta cellule, inibendo la produzione di insulina”.

Un azienda Israeliana lo sta sviluppando, si tratta di Biotech, ed al momento ha già superato la terza fase della sperimentazione umana. Tale sperimentazione è stata condotta su 467 soggetti in Italia, nell’unità operativa di endocrinologia e malattie metaboliche dell’università Campus Biomedico di Roma. Campus diretto da Paolo Pozzilli, che ci da le seguenti spiegazioni:

“Anche questo dimostra che pazienti con una residua funzione delle beta cellule sono immuni, anche dopo 20 anni dalla diagnosi, a complicanze come retinopatia, neuropatia o nefropatia diabetica. Preservando le beta cellule sarà inoltre possibile limitare l’assunzione di insulina”. Tutto questo purché la terapia sia avviata entro sei mesi dall’insorgenza della malattia”.

Ora bisogna attendere un secondo giro di sperimentazione che, se darà nuovamente esito positivo, darà l’apertura definitiva alla commercializzazione del farmaco entro fine anno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!