Andrea Melchiorre prigioniero del Covid, duro sfogo: “Ha fatto bene chi si è imbottito di tachipirina e se n’è fregato”

Andrea Melchiorre sfogo
Andrea Melchiorre

Sono settimane, ormai, che Andrea Melchiorre è “prigioniero del Covid” in Sardegna, pertanto, ha dato luogo ad uno sfogo su Instagram. L’ex corteggiatore di Uomini e Donne, prima di rientrare a casa propria dalle vacanze, si è sottoposto ad un tampone per vedere se fosse positivo al Coronavirus.

L’esito è stato positivo e questo lo ha obbligato a non poter prendere nessun mezzo di trasporto per poter lasciare la Sardegna. Dopo moltissimi giorni di reclusione, in una casa affittata per l’occasione straordinaria, il giovane ha sentito il bisogno di chiarire alcune cose.

Lo sfogo di Andrea

Andrea Melchiorre ha dato luogo ad uno sfogo molto acceso su Instagram. Il ragazzo ha spiegato di essere recluso in una casa in affitto in Sardegna da diverse settimane. L’ASL di riferimento ha, in un primo momento, informato il giovane circa la possibilità di rientrare a casa su di un traghetto speciale, riempito ad hoc da persone affette da Covid. Questa ipotesi, però, non si è mai verificata ed è stata reputata da Andrea solo un modo per prendere del tempo.

In questi giorni, Melchiorre ha fatto l’ennesimo tampone, anch’esso positivo purtroppo, pertanto, è costretto a continuare a rimanere “prigioniero” fino a che non gli passi. Il giovane, ovviamente, non sa quando tornerà negativo, dato che non sta assumendo nessun medicinale in quanto asintomatico e in quanto assente una terapia per curare questo virus. La situazione, però, sta cominciando a diventare davvero pesante.

La proposta di Mechiorre allo Stato

Nel suo sfogo, quindi, Andrea Melchiorre ha detto che hanno fatto bene coloro i quali se ne sono fregati e sono partiti lo stesso imbottendosi di tachipirina e mettendo la bottiglia di acqua fredda sulla fronte. Adoperando queste manovre così tanto criticate tali individui sono riusciti almeno a stare a casa propria con tutti i confort. Il protagonista ha, dunque, sbottato contro lo Stato che, purtroppo, gli sembra completamente impreparato a gestire una simile situazione.

A tal proposito, ha proposto un modo per poter far rientrare nelle proprie città gli affetti da Covid. Tali persone potrebbero essere completamente bardate, così come i medici che hanno contatti con gli infetti, e messe su di un mezzo di trasporto qualunque. Andrea è fortemente demotivato, ma servirà a qualcosa questo sfogo? Verrà ascoltato da qualcuno? Vedremo.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!