Alberto Matano, chi è il giornalista che ha fatto rinascere La Vita in Diretta?

Alberto Matano

Alberto Matano, il giornalista e conduttore de La Vita in Diretta, da anni è un volto noto per chi segue Rai 1. Dal 2007 al 2019, infatti, ha fatto parte del TG1 ed ha condotto gli speciali sull’attentato alla sede di Charlie Hebdo, oltre ad aver commentato il giuramento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che Matano ha sempre detto di voler intervistare.

Il giornalista, inoltre, ha anche sperimentato nuove produzioni, come “Sono Innocente” e “Photoshow”, entrambi andati in onda su Rai 3. Dall’esperienza a Sono Innocente, Matano ha tratto anche un libro chiamato “Innocenti. Vite segnate dall’ingiustizia” sulle persone arrestate ingiustamente e con prefazione di Daria Bignardi. Dal 2019, Alberto Matano è alla conduzione de La Vita in Diretta. Un incarico difficile, per certi versi, in quanto stavolta si è trattato dal passare da un giornalismo serio a quello più “pop” vista la fascia oraria pomeridiana, ma che il giornalista ha saputo onorare alla grande.

Alberto Matano, ,le sue origini e la passione per il giornalismo

Alberto Matano, classe 1972, oggi è sicuramente uno dei giornalisti più importanti ed anche più seguiti della tv. Un amore, quello del giornalismo, che il conduttore aveva fin dai tempi delle scuole medie. In una recente intervista al Fatto Quotidiano ha dichiarato: “Ero alle scuole medie, la professoressa di Lettere ci faceva seguire le notizie al telegiornale, dovevamo raccontarle il giorno dopo a scuola. Mi appassionavo alla scrittura e alla lettura delle notizie, era scattata la scintilla”.

Il giornalista, nella stessa intervista, ha anche affermato di essere figlio di una rappresentante politica dell’UDC, ma per lui non è stato affatto un punto a favore, anzi: “Mia madre faceva politica, era una delle leader dell’Udc in Calabria e aveva un incarico non parlamentare ma nel partito nazionale. Quando te ne vai di casa a diciotto anni e appartieni a una famiglia che nella tua città è abbastanza conosciuta, lo fai perché non vuoi una vita semplice. Ho voluto fare la mia strada. Al Giornale Radio l’allora direttore Paolo Ruffini mi spostò sulla politica per una sostituzione estiva, mi prese un colpo. La mia fortuna è stata che mi chiamavo con il cognome di mio padre, nessuno sapeva che ero suo figlio. Per i primi tempi l’ho tenuto nascosto, intervistavo politici che lei conosceva ma non sapevano che ero suo figlio”.

Gli inizi al TG1

Sugli inizi nel TG1, dopo la chiamata da parte di Gianni Riotta, il giornalista ricorda: “Chiamarono me e Natalia Augias dal Giornale Radio, eravamo emozionati. La palazzina era vicina ma quei pochi metri avevano un grande significato. Riotta ci coinvolse subito, vedevo i conduttori dell’epoca che a me sembravano quasi dei miti”. Dopodichè, nel 2019 la chiamata a La Vita in Diretta, nel primo anno condotta in coppia con Lorella Cuccarini e poi l’esperienza della conduzione in solitaria da questa stagione. Il tutto, con grandissimi ascolti, superiori al competitor Pomeriggio 5

Insomma, un amore puro, sincero, quello del giornalismo. Commovente il suo racconto riguardo l’esperienza con il Covid-19: “mi svegliavo anche alle quattro di notte, ero provato. Succedeva anche al tg, ora non c’è più il tavolo del telegiornale, non c’è più quel registro che devi osservare. Qui sei Alberto anche persona, questo ti avvicina al pubblico. Di fronte a quei numeri, all’infermiera che si dispera in diretta, a una figlia che piange il papà morto a Bergamo non puoi restare con l’aplomb che il telegiornale richiede”.

Alberto Matano, il successo de La Vita in Diretta

Come già detto in precedenza, da settembre 2019, Alberto Matano è il conduttore de La Vita in Diretta. Da quest’anno, Matano, promosso anche come capo-redattore e capo-autore della trasmissione, ha apportato qualche cambiamento significativo. Infatti, oltre allo spazio doveroso riguardante la cronaca e l’attualità, è presente un ulteriore segmento chiamato La Vita in Diretta Pop, in onda dalle 18:00.

In quest’ultimo segmento, il giornalista in un tavolo con opinionisti che cambiano ogni puntata, parla dei principali argomenti di spettacolo e gossip, tra cui non mancano le vicende per quanto riguarda i reali inglesi, ormai un “must” per il rotocalco di Rai 1 e per il pubblico femminile. Dimostrazione, di come Matano nonostante la provenienza dal giornalismo “puro” del TG1, conosca molto bene il pubblico a cui si rivolge e le sue scelte hanno permesso a La Vita in Diretta di riottenere la leadership del pomeriggio di Rai 1, dopo tanti anni di dominio di Pomeriggio 5 di Barbara D’Urso, in onda su Canale 5.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!