GF Vip: Myriam Catania nomina Alberto Tarallo, la reazione di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra

L’attrice e doppiatrice ha nominato il produttore e c’è stata una reazione particolare da parte di Adua e Massimiliano. Ecco che cosa è successo

Grande Fratello Vip: Myriam Catania nomina Alberto Tarallo, la reazione di Adua Del Vesco e Massimiliano Morra

Ormai sapete bene che Adua Del Vesco e Massimiliano Morra hanno fatto delle dichiarazioni molto pesanti sull’ambiente di lavoro di cui hanno fatto parte per diversi anni. Si tratta della Ares Film che ha prodotto le principali serie italiane per Canale 5 e che aveva come capo sceneggiatore Alberto Tarallo.

A seguito delle dichiarazioni dei due attori, che hanno parlato di un gruppo di persone che li minacciava e obbligava a fare cose contro la loro volontà, tutti i programmi erano pronti ad indagare e ad approfondire ma Alberto Tarallo ha mandato una diffida a Mediaset. È piombato il silenzio in tv, ma sui social l’argomento continua.

Ovviamente nella Casa non sanno che cosa sta succedendo al di fuori. E questo è stato abbastanza evidente quando Myriam Catania ha nominato proprio Tarallo di fronte ad Adua e Massimiliano. La doppiatrice, in un momento di chiacchiere in giardino, ha chiesto informazioni sul lavoro dei due coinquilini. Loro hanno detto che hanno lavorato insieme a Furore 2, Il Peccato e la Vergogna, Il Bello delle Donne.

A quel punto Myriam ha detto: “Come si chiama lui che ha prodotto tutte queste serie per Canale 5? Aspetta non mi viene il nome, Tarallo?“. Adua ha avuto un attimo di imbarazzo e ha detto un timido: “Eh.. lui“, guardando Massimiliano in cerca di aiuto che prontamente ha cambiato argomento. La reazione dei due attori è stata molto rigida. È evidente che loro sanno di non poterne parlare, ma quanto sapranno di tutto quello che hanno scatenato al di fuori?

La replica di Alberto Tarallo

Dopo le dichiarazioni di Adua e Massimiliano e la diffida, Mediaset non ha più potuto trattare l’argomento. Tuttavia, Massimo Giletti ha invitato Alberto Tarallo a Non è l’Arena e il produttore ha avuto modo di difendersi dalle accuse.

Il produttore ha detto di essere schifato da tutto quello che ha sentito. I ritmi di lavoro erano serrati, ma nessuno ha fatto minacce. Tarallo ha anche detto di essersi offerto di aiutare Adua in tutti i modi quando si è ammalata di anoressia. Ha, però, ammesso di aver inventato storie d’amore fasulle per le copertine, proprio come nel caso di Adua e Massimiliano.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!