Messaggi effimeri e sicurezza, le prossime novità su WhatsApp

Messaggi effimeri

Li hanno già ribattezzati “messaggi effimeri” e rappresentano la novità più rilevante su WhatsApp di questo finale di 2020. Il team di sviluppo ha ufficialmente rilasciato la nuova funzionalità, da poche ore disponibile per i beta-tester su Android della famosa app di messaggistica istantanea. Nello specifico ci riferiamo alla versione 2.20.206.9 che può essere già scaricati da coloro che si sono iscritti al programma beta, tramite il Play Store. Prima di continuare, vale la pena sottolineare che a stretto giro di posta la novità sarà disponibile anche sulla versione per iOS e che su Android gli sviluppatori potrebbero renderla operativa anche dopo aver scaricato la release sopracitata. Ma ormai ci siamo.

Cosa sono i messaggi che si autodistruggono?

La prima traccia dei messaggi che si autodistruggono fu scovata lo scorso luglio nella beta 2.20.197.4. Da allora ne è passata di acqua sotto i punti: al di là dei numerosi bug risolti, la community ha fornito diversi suggerimenti per migliorare la feature.

Ad inizio mese, poi, il team di sviluppo ha ufficializzato l’arrivo della feature nella sezione “NewsRoom” del sito ufficiale, aggiungendo che il rilascio sarebbe avvenuto prima della fine del mese. Promessa mantenuta, anche se per ora sono i tester ad essere coinvolti.

Ma cosa sono i messaggi effimeri? Dopo i numerosi suggerimenti degli utenti, è stato stabilito che è possibile impostare la cancellazione automatica di tutti i messaggi, foto, video e altri contenuti multimediali in una determinata chat sette giorni dopo il loro effettivo invio. Si tratta di una funzionalità che sarà particolarmente utile a mantenere sotto controllo lo spazio effettivamente utilizzato dall’app, una delle problematiche più diffuse tra l’utenza di WhatsApp.

I sette giorni non rappresentano comunque un “punto fermo”: gli sviluppatori accoglieranno comunque le richieste degli utenti e la quantità di giorni in cui i messaggi saranno ancora visibili all’interno di una chat potrebbe nuovamente variare in futuro.

Come attivare i messaggi effimeri su WhatsApp?

La funzionalità verrà impostata manualmente sia nelle chat singole che in quelle di gruppo; in quest’ultimo caso, però, saranno soltanto gli amministratori a poterla attivare. All’interno della scheda di un contatto sarà possibile scegliere l’opzione “informazioni” e lì verrà visualizzata la voce relativa alla nuova feature.

Oggi, comunque, sono emerse altri dettagli che riguardano i messaggi effimeri su WhatsApp, ovvero quelli che scompariranno dopo 7 giorni in modo automatico. Per cominciare, vale la pena ricordare che esisteranno comunque modi per “mantenere in vita” i messaggi in questione: ad esempio, citando un messaggio e rispondendo, questo potrebbe resistere oltre i 7 giorni. Non solo: i messaggi effimeri non scompariranno nei backup, mentre se venissero inoltrati in altre chat, singole e di gruppo, dove la funzionalità non è impostata di default, verrebbero conservati.

È altresì importante sottolineare che i messaggi scompariranno anche nel caso in cui uno dei due partecipanti alla chat non dovesse connettersi a WhatsApp durante 7 giorni, anche se ci sarebbe comunque l’opzione di visualizzarli tramite le notifiche ricevute. Inoltre, il “trucco” più immediato è quello di catturare degli screenshot e salvarli quindi nello storage interno del proprio telefono.

Novità in tema sicurezza

Non sarà comunque questa l’unica novità che vedremo su WhatsApp a breve. L’app di messaggistica istantanea è ormai attentissima al discorso sicurezza e privacy, come d’altronde tutte le più importanti piattaforme online, incluse quelle di gaming che offrono agli appassionati di slot machine o altri giochi “classici” la certezza di mantenere dati personali al sicuro.

Gli sviluppatori aggiungeranno infatti una nuova schermata all’interno dell’app dove sarà possibile visualizzare tutte le chat che godono della crittografia end-to-end, la più efficace, e quelle che invece non sono protette da questa tecnologia.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!