Guendalina Tavassi, video intimi divulgati: dopo la denuncia, beccati i primi due colpevoli (FOTO)

Guendalina Tavassi video intimi
Guendalina Tavassi

Come tutti i fan di Guendalina Tavassi sapranno, l’influencer è stata vittima di un reato in quanto qualcuno ha hackerato il suo telefono ed ha divulgato dei video intimi che la riguardano. La donna è scoppiata in lacrime e si è sfogata con i fan dicendo di aver provveduto immediatamente a sporgere denuncia.

Dopo averlo fatto, pare siano stati beccati i primi due colpevoli che hanno contribuito alla divulgazione di tali contenuti sensibili. La donna ha pubblicato il video sul suo profilo Instagram ed ha mostrato i volti delle due persone incriminate.

Beccati i primi due diffusori dei video intimi di Guendalina

Così come accadde per Diletta Leotta e molte altre, anche a Gendalina Tavassi è stato hackerato il cellulare e sono stati diffusi dei video molto intimi. Le clip in questione ritrarrebbero la donna in atteggiamenti parecchio spinti con suo marito. Si tratta, naturalmente, di contenuti che sarebbero dovuti rimanere privati, ma così non è stato. La protagonista di questo increscioso avvenimento, allora, ha sporto denuncia ed ha detto che andrà fino in fondo.

La giustizia pare stia già facendo il suo corso. Guendalina, infatti, è riuscita a beccare due persone che, in diretta su Instagram, hanno parlato della vicenda ed hanno promesso di mandare i video incriminati in privato a tutti coloro che metteranno il segui. Ebbene, queste due persone sono state le prime a ricevere una denuncia diretta. La dama si è sfogata dicendo che individui del genere meriterebbero l’ergastolo. (Continua dopo la foto)

Le parole dell’avvocato della Tavassi

Nel frattempo, sono moltissimi i vip che stanno manifestando tutta la loro vicinanza e comprensione nei confronti della vittima di questo crimine. Tra i vari volti spuntano quelli di Karina Cascella, Deianira Marzano, Amedeo Venza e molti altri. Ad ogni modo, poco fa, l’influencer ha pubblicato anche il video del suo avvocato, nel quale è spiegato bene la pena inferta a coloro i quali si rendono protagonisti di simili atti.

Quelli che hanno divulgato i video intimi di Guendalina Tavassi, infatti, rischiano da 1 a 6 anni di reclusione per reato di Revenge Porn. Inoltre, anche coloro i quali hanno salvato tali contenuti sul proprio cellulare, o li hanno inoltrati a loro volta ad altri contatti, rischiano la stessa pena. Intanto, la malcapitata ha ringraziato tutti coloro i quali le hanno scritto in questo momento per lei così delicato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leonardo D’Erasmo (@avvleonardo)

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!