Penne personalizzate: come usarle per una strategia di marketing

Quando si studia una strategia di marketing basata sull’utilizzo dei gadget promozionali, vale la pena di prendere in considerazione i tanti vantaggi che vengono offerti dalle penne con logo. Si tratta di una soluzione che ha il pregio di adattarsi alle esigenze e alle caratteristiche di qualsiasi tipo di marchio. D’altro canto, esiste una persona al mondo che non abbia bisogno di usare una penna? Occorre prestare la massima attenzione, però: anche se le penne hanno un costo contenuto, questo non vuol dire che una valga l’altra. Insomma, il “basta che scriva” in questo caso è sbagliato. Per quanto possa essere semplice, un oggetto di questo tipo può avere la capacità di soddisfare specifiche necessità individuate dalla strategia di marketing a priori.

La scelta del gadget

Le penne pubblicitarie si dimostrano molto utili e, come detto, costano poco. Inoltre possono passare facilmente di mano in mano, e questo non può che essere un vantaggio considerando che lo scopo del marchio è quello di farsi conoscere. Volendo trasmettere l’idea di un brand attento alla sostenibilità e all’ambiente si può puntare su una penna di bambù, dalle caratteristiche green. Le penne da taschino, invece, sono più di classe ed eleganti. Ma le possibilità di scelta non si esauriscono certo qui: ecco, per esempio, le penne con il tratto colorato e quelle a sfera, che fanno della funzionalità e dell’essenzialità le proprie caratteristiche più importanti. Volendo, poi, la penna può essere messa a disposizione in associazione con un evidenziatore, una matita o altro materiale di cancelleria.

I gadget aziendali di Gadget365

Tutti questi prodotti possono essere richiesti a Gadget365, azienda di Gorla Minore che da più di 10 anni è operativa nel settore delle campagne di comunicazione tramite l’oggetto. Che si sia alla ricerca di Penne Personalizzate Online, ma anche di ombrelli, di tazze, di chiavette USB o di qualsiasi altro tipo di prodotto, rivolgendosi a Gadget365 si ha la certezza di poter contare su un ricco e variegato catalogo, impreziosito da soluzioni innovative e, soprattutto, da prezzi davvero bassi. Tutto ciò è possibile grazie alla selezione meticolosa dei partner e dei fornitori, oltre che per merito della collaborazione con partner asiatici.

Le altre soluzioni

Ovviamente le penne rappresentano solo una delle tante soluzioni a cui si può pensare quando si è in cerca di un gadget aziendale. Vanno molto di moda, nel corso degli ultimi tempi, gli oggetti di stampo tecnologico, come per esempio i caricatori per gli smartphone da usare in macchina, le aste per i selfie, le power bank e le classiche penne USB. Nella scelta dei gadget aziendali, occorre pensare agli obiettivi stabiliti dal piano di marketing strategico, affinché essi siano funzionali agli scopi prefissati. Inoltre è importante che i gadget non si discostino dai valori aziendali, mantenendo una certa coerenza di base.

Come trovare i gadget più adatti

La qualità del gadget deve essere associata a una certa originalità. Ci sono delle aziende per le quali i gadget brandizzati non sono un dettaglio, ma costituiscono uno status vero e proprio. Grazie a tali oggetti, le imprese hanno modo di consolidare la propria relazione con la clientela, che di conseguenza viene motivata a informarsi a proposito del marchio. In sostanza, il consumer sentiment viene spinto in direzione di sensazioni ed emozioni positive che vengono associate all’azienda. Ecco perché i gadget sono un mezzo attraverso il quale è possibile tenere alta l’attenzione dei clienti. Nel momento in cui un consumatore, anche grazie a una penna personalizzata, decide di scegliere un’azienda invece che un’altra, si hanno ripercussioni positive dal punto di vista della crescita del fatturato e del return of investment.

Gli aspetti a cui prestare attenzione

Affinché la sponsorizzazione di un brand garantisca l’esito sperato e raggiunga il successo, è fondamentale che i gadget promozionali siano coerenti con la campagna di comunicazione per la quale sono stati scelti. Al tempo stesso, poi, occorre che i valori aziendali siano rispecchiati in pieno, in modo che gli oggetti in questione abbiano un valore aggiunto. Si immagini, per esempio, un’impresa la cui produzione è improntata alla sostenibilità ambientale: in questo caso i gadget dovranno essere ispirati a una logica ecologica. Ecco, quindi, shopper, posate o borracce realizzate in materiali green; ma si può pensare anche a capi di abbigliamento o ad articoli per l’ufficio. L’importante è che siano ecologici e che dimostrino ai consumatori quanto la dimensione green stia a cuore all’azienda.

Le strategie basate sui gadget aziendali

Come si è visto, la varietà di opzioni a disposizione quando si parla di gadget aziendali è quasi infinita: per esempio in questi ultimi mesi vanno molto di moda i gel igienizzanti per le mani che riportano la personalizzazione del brand aziendale. Chi vuol puntare su un approccio più tecnologico, invece, predilige in molti casi le casse bluetooth. Quel che è importante capire è che tali oggetti non sono vincenti di per sé, ma diventano tali in virtù del valore comunicativo che li caratterizza: un valore che, per altro, non si spegne nel contesto della campagna di comunicazione per la quale i gadget erano stati creati e non si affievolisce al termine delle fiere e degli eventi che ne hanno visto la distribuzione. I migliori gadget personalizzati – che si tratti di penne o di altri oggetti – sono quelli che mantengono la propria efficacia promozionale per molto tempo, anche dopo la conclusione della campagna promozionale.

La durata nel tempo

Questa è la principale differenza che distingue i gadget promozionali dalla maggior parte delle altre soluzioni pubblicitarie. I cartelloni stradali, per esempio, con il tempo vengono sostituiti; anche gli spot in televisione cambiano; e che dire della pubblicità sui quotidiani, che dura lo spazio di un giorno. I gadget, invece, offrono un ritorno sull’investimento prolungato con il passare del tempo. Le penne promozionali fanno in modo che il marchio risulti visibile al maggior numero possibile di leads. A essere coinvolti non sono solo i potenziali clienti, ma anche eventuali partner commerciali che potrebbero apprezzare la strategia scelta.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!