Il Codacons accusa Elisabetta Gregoraci e Pierpaolo di cose incommentabili: “Mimato certe posizioni” (VIDEO)

Il Codacons contro Elisabetta Gregoraci e Pierpaolo Pretelli e il GF Vip

Ebbene sì, il Codacons è tornato all’attacco contro la quinta edizione del Grande Fratello Vip. Settimana fa, ad esempio, l’associazione in questione ha presentato un esposto all’Agcom a causa di un televoto riguardante Rosalinda Cannavò. Ora invece si sono scagliati contro i Gregorelli, ovvero Elisabetta Gregoraci e Pierpaolo Pretelli.

Diversi giorni fa, durante il gioco della bottiglia la soubrette calabrese e l’ex Velino di Striscia la Notizia dovevano mimare delle posizioni particolari. In quell’occasione la 40enne si è seduta sulle cosce del 25enne. Tale scena non è piaciuta al Presidente Rienzi, che sul magazine Nuovo ha bacchettato l’ex moglie di Flavio Briatore, ma anche il padrone di casa Alfonso Signorini.

Lo sfogo di Carlo Rienzi al magazine Nuovo

Intervistato dal settimanale diretto da Riccardo Signoretti, il presidente del Codacons ha detto che è incommentabile il siparietto tra Elisabetta Gregoraci e Pierpaolo Pretelli, che per pagare una penitenza al gioco della bottiglia hanno mimato determinate posizioni.

“Il problema è che certe cose non vanno in onda solo in prima serata. Chiediamo di far presenziare un nostro rappresentante in ogni trasmissione che possa intervenire subito se il limite viene superato. Alfonso Signorini dovrebbe intervenire subito quando succedono cose di questo tipo invece di riderci su!”, ha tuonato Carlo Rienzi al noto magazine Nuovo. (Continua dopo il video)

Il Codacons contro Baby K e Chiara Ferragni: il motivo

Durante l’intervista al noto periodico Nuovo, il presidente del Codacons Carlo Rienzi non si è scagliato solamente contro il Grande Fratello Vip 5 è il conduttore Alfonso Signorini. Infatti, l’associazione ha puntato il dito anche contro la fashion blogger Chiara Ferragni (‘preda’ ambita del Codacons insieme a Fedez) a e Baby K.

Parlando col giornalista del settimanale diretto da Riccardo Signoretti, l’uomo ha detto: “Ci riferiamo al brano ‘Non mi basta più’ di Baby K e Chiara Ferragni. Questo video musicale mostra in più parti i prodotti di un noto marchio per i capelli e il nome dell’azienda viene menzionato nel testo della canzone. Da tormentone questo si trasforma in pubblicità in musica. Presentiamo per questo un esposto all’Autorità per la concorrenza in cui chiediamo un procedimento contro questo videoclip”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!