Amici 20, guai per Sangiovanni: Maria De Filippi coinvolge anche la produzione

Rudy Zerbi ha rimproverato il giovane cantante di non aver svolto un compito, lui si è difeso ma la conduttrice ha voluto andare fino in fondo. Ecco che cosa è successo.

Amici 20: guai per Sangiovanni

Amici 20 è tornato dalla pausa natalizia e sabato 9 gennaio abbiamo visto una nuova puntata del pomeridiano. Due concorrenti sono stati eliminati attraverso la modalità della sfida: si tratta della cantante Kika e del ballerino Riccardo. Al loro posto ci sono Ibla e Alessandro. Tutti gli altri hanno riconfermato il loro banco, tranne Sangiovanni.

Rudy Zerbi lo ha rimproverato perchè non si è fatto trovare pronto in quanto mancavano i cori della canzone Like a Preyer. Sangiovanni si è difeso dicendo che lui aveva chiesto alla produzione delle ore in più in studio ma questo non è stato possibile. Inoltre i cori dovevano essere fatti da altri allievi della scuola. Nella discussione è intervenuta anche Maria De Filippi.

Sangiovanni: maglia trattenuta, problemi con la produzione

Rudy Zerbi ha detto di essere rimasto molto deluso dal comportamento del cantante. In queste settimane non si sarebbe preoccupato di completare il compito che gli era stato assegnato. Se non importa a lui a chi deve importare? Sangiovanni, però, è stato molto deciso nel rispondere: lui ha sempre chiesto ore in più ma non può obbligare la produzione a dargliele. Maria De Filippi è intervenuta dicendo che c’è un limite per lui rispetto agli altri perchè è minorenne. Per il resto forse c’è stato un fraintendimento.

La conduttrice ha voluto chiamare in studio Mamo, responsabile della produzione, che ha confermato quanto detto da Zerbi: “Ti è stata data la possibilità di registrare i cori. Voi ci chiedete di tutto, sei stato messo in studio, hai chiesto altre ore, ma non hai fatto i cori, un compito che avevi da tre settimane. Poi mi hai messo parole in bocca che non ho detto, non è vero che sono stato io a dirti di non fare la canzone“.

Sangiovanni si è arrabbiato molto dicendo di aver sempre chiesto ore in più e di non poter obbligare compagni o produzione a fare le cose. Il suo stesso vocal coach aveva fatto la richiesta per questi cori ma non gli è stato concesso. Sui social c’è già chi ha dei dubbi su questa vicenda. Voi che cosa ne pensate? Potete vedere quello che è successo qui.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Diana Cavalieri: Sono sempre stata molto curiosa. Per questo ho sempre guardato molta televisione, seguito personaggi noti e divorato film e serie tv. Dopo essermi laureata, ho unito questa curiosità alla passione per la scrittura.