GF Vip, Alda D’Eusanio salvata dal televoto: insorgono gli ex gieffini squalificati

Alda D'Eusanio

Stefano Bettarini, Salvo Venziano e Filippo Nardi non ci stanno. È polemica dopo la decisione del programma su Alda D’Eusanio

GF Vip: Alda D’Eusanio non viene squalificata, è polemica

Alda D’Eusanio a solamente 24 ore dal suo ingresso nella Casa del Grande Fratello Vip si è lasciata sfuggire la famosa n word. Poco tempo fa Fausto Leali per essersi rivolto con quella parola ad Enock Barwuah è stato squalificato. Quindi, ci si aspettava lo stesso trattamento per l’opinionista. Ma così non è stato.

Dal momento che Alda D’Eusanio ha usato quella parola in una battuta in generale, e non rivolta ad una persona, la produzione ha deciso di rimandare al pubblico a casa le sorti della concorrente con un televoto flash. Alfonso Signorini ha detto che gli autori hanno dibattuto a lungo. Alla fine il pubblico ha deciso di salvarla con il 54% dei voti. Tuttavia, se qualcuno pensa che la produzione stia esagerando con questi provvedimenti, altri credono che purtroppo Alda doveva essere squalificata, come gli altri ex concorrenti.

La rivolta degli ex gieffini: Bettarini, Nardi e Veneziano non ci stanno

Se ricordate bene Stefano Bettarini, Filippo Nardi e Salvo Veneziano sono stati squalificati dal Grande Fratello Vip per le loro affermazioni. Il primo per una espressione toscana considerata una bestemmia, gli altri due per le battute di cattivo gusto, volgari e poco rispettose sulle donne. Ebbene, dopo la decisione della produzione su Alda D’Eusanio loro tre sono insorti all’unisono.

Stefano Bettarini ha scritto una Instagram Story in cui parla di “due pesi, due misure, figli e figliastri“. “Come mai io avevo puntate addosso camere h24 ed in altre situazioni, non meno importanti, la regia stacca di continuo?” si è chiesto l’ex gieffino. Infatti, alcuni concorrenti erano convinti che Alda D’Eusanio venisse squalificata ma quando ne parlavano la regia staccava immediatamente. (Continua dopo la foto)

Bettarini si è anche lasciato andare ad un post fiume contro Alfonso Signorini parlando di incoerenza, di essersi venduto al gioco dei potenti. Con lui anche Filippo Nardi e Salvo Veneziano. Entrambi hanno espresso il loro disappunto per questa disparità di trattamento. Inoltre, hanno anche ironizzato sul fatto che “guarda caso” l’app di Mediast Play non funzionava nemmeno durante il televoto flash. Voi che cosa ne pensate?


Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!