GF Vip, Alda D’Eusanio si becca un’altra querela appena uscita dalla casa: dà del delinquente ad Aragozzini

Alda D'Eusanio

Nuovi guai per Alda D’Eusanio

Piove sul bagnato per Alda D’Eusanio, fresca fresca d’espulsione dalla casa del Grande Fratello Vip 5. La giornalista abruzzese ma sempre vissuta a Roma, rischia di finire in Tribunale per un’altra frase sfuggitale nella casa più spiata d’Italia. La severa punizione è avvenuta in seguito alle inaccettabili illazioni a Paolo Carta, il compagno di Laura Pausini accusandolo di violenze domestiche. Qualche giorno fa, prima della squalifica, dalla bocca della 70enne era uscito questo: “Mia Martini è stata distrutta da Adriano Aragozzini, un vero delinquente. Era quello che organizzava i Festival”.

La scrittrice però, non sapeva che poche ore dopo sarebbe uscita dal loft di Cinecittà. A quanto pare a prendere tale decisione sia stato l’editore di Mediaset Pier Silvio Berlusconi, arrabbiato nero per lo scivolone sulla Pausini. Ma non è finita qui visto che lo stesso Aragozzini, attraverso una lettera inviata a Dagospia, ha fatto sapere che agirà legalmente contro l’ex gieffina. Il manager discografico ed ex dirigente Rai ha fatto sapere: “Notizie false inventate e destituite da qualsiasi fondamenta”.

Adriano Aragozzini querela Alda D’Eusanio

Nella lettera che Adriano Aragozzini ha inviato al sito diretto da Roberto D’Agostino, l’ex dirigente della tv di Stato ha detto che tutti in Italia sanno che lui ha fatto resuscitare Mia Martini prendendola al Festival di Sanremo nel 1989 contro il parere di molti artisti ed anche di funzionari delle case discografiche.

“In 5 anni che ho organizzato il Festival (3 da patron assoluto e 2 da produttore esecutivo per conto della Rai), Mia ha partecipato 3 volte. Inoltre ho avuto sempre con Lei un rapporto fantastico che Lei ha ricambiato in ogni intervista sui giornali ed in televisione parlando di me in modo meraviglioso. Inoltre l’ho portata al tour Sanremo in the world a Tokyo, New York, Toronto, San Paolo del Brasile e Francoforte in Germania”, ha asserito manager discografico.

La rabbia di Adriano Aragozzini

In poche parole, se c’è qualcuno che ha leso la carriera della compianta Mia Martini, accompagnata e affossata dalla vergognosa diceria di portare sfortuna, quel qualcuno non è di certo Adriano Aragozzini.

Quest’ultimo infatti, nella lettera inviata a Dagospia ha scritto anche: “Io sono stato calunniato ed offeso. Questa mattina i miei legali hanno presentato querela ad Alda D’Eusanio che dovrà rispondere penalmente e civilmente delle sue dichiarazioni offensive calunniose false ed inventate”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!