Rosalinda Cannavò, l’ufficio stampa della Ares la prende in giro: “Non sapeva neanche chi fosse Greta Garbo”

Rosalinda Cannavò

Rosalinda Cannavò e la vicenda Ares Gate

Lo scorso settembre, Rosalinda Cannavò ha dato vita al cosiddetto AresGate per alcune frasi pronunciate insieme a Massimiliano Morra all’interno della casa del Grande Fratello Vip 5. Un vicenda che Mediaset ha tagliato corto dopo alcuni giorni perché ha ricevuto una diffida da parte di Alberto Tarallo.

Una volta terminato il reality show di Canale 5, misteriosamente questa storia è rifiorita in seguito all’apertura delle indagini della Procura di Roma in merito al suicidio di Teodosio Losito. Andiamo a vedere nello specifico di cosa si tratta. Ma anche cosa ha dichiarato una persona molto vicina alla casa di produzione che ha realizzato tantissime fiction per il Biscione.

Le dichiarazioni dell’ufficio stampa dell’Ares Film

Enrico Lucherini, ufficio stampa della casa di produzione Ares Film fallita qualche anno fa, è stato recentemente intervistato dal quotidiano nazionale il Corriere delle Sera. In quell’occasione in modo ironico ha preso in giro l’ex gieffina Rosalinda Cannavò.

“Il nome Rosalinda Cannavò non suonava bene, pensammo ad Adua, dal film di Pietrangeli. Poi ci si aggiunse Del Vesco, boh, Alberto si era fissato e in effetti non suonava male, anche se i primi tempi capivano tutti Del Vescovo o peggio Del Mestolo. Quando eravamo insieme prendevamo il sole in giardino e si parlava di tutto e niente, mangiando gelato, non mi pareva né sofferente né plagiata. Aveva le chiavi di casa, poteva andarsene quando voleva”, ha fatto sapere l’uomo.

Enrico Lucherini: “Rosalinda non sapeva neanche chi fosse Greta Garbo”

Intervistato dal Corriere della Sera, Enrico Lucherini in merito alle dichiarazioni di Rosalinda Cannavò all’interno della casa del Grande Fratello Vip 5 ha detto altri clamorosi retroscena.

“Beh, quando Adua e Massimiliano parlavano di Lucifero, è chiaro che intendessero lui, Alberto, non c’è dubbio. Però lo conosco da almeno trent’anni e non ho mai notato niente di satanico in lui. Generoso, carino, divertentissimo, alla villa di Zagarolo passavano ore a chiacchierare di vecchi film hollywoodiani. Di Gloria Swanson e di Greta Garbo, che la ragazzina, Adua, non sapeva nemmeno chi fosse”, ha detto l’ufficio stampa dell’Ares Film. Ricordiamo che quest’ultimo lo scorso autunno più volte è stato ospite a Live Non è la D’Urso per parlare della vicenda ma poi Mediaset insabbiò tutto.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)