Investimenti: ecco le strategie più gettonate per fare trading con i cfd

Durante la pandemia di coronavirus molti risparmiatori hanno iniziato a investire sui mercati finanziari, con un vero e proprio boom del trading online. Diversi broker hanno registrato un forte aumento degli utenti registrati sulle proprie piattaforme, tra cui eToro in grado di superare i 17 milioni di trader nel 2020, con una crescita di oltre il 30% rispetto al 2019.

L’incremento dei piccoli investitori retail è stato favorito dalla maggiore accessibilità dei servizi finanziari, grazie alle strategie degli intermediari come l’azzeramento delle commissioni e l’offerta di un deposito minimo basso. Questo fenomeno ha portato sempre più persone a investire con il trading online, soprattutto attraverso i CFD, contratti per differenza che consentono di speculare sulle variazioni dei prezzi degli asset.

Con il trading CFD è possibile investire su qualsiasi tipo di sottostante, tra cui azioni, indici, materie prime, Forex e criptovalute, senza di fatto possedere l’asset ma investendo al rialzo o al ribasso sugli andamenti delle quotazioni. Questi strumenti permettono di fare trading anche con piccole somme, utilizzando la leva finanziara per aumentare la portata degli investimenti, tuttavia richiedono un’attenta gestione del rischio e la pianificazione di strategie efficaci per ottimizzare le performance.

Come fare trading con i contratti per differenza

Cominciare a investire con i contratti per differenza è abbastanza semplice, ad ogni modo è essenziale conoscere le principali tecniche per il trading CFD, studiare l’analisi tecnica e imparare l’analisi fondamentale. Inoltre, secondo la guida dedicata su come fare trading con i cfd secondo meteofinanza.com, è indispensabile apprendere come controllare il rischio in maniera efficiente, per effettuare investimenti consapevoli e usare questi prodotti finanziari derivati in modo cosciente.

La formazione rimane fondamentale per imparare le basi del trading CFD, tuttavia è necessario anche fare pratica attraverso un conto demo dimostrativo, rivolgendosi a un broker specializzato sui contratti per differenza e in grado di proporre strumenti utili per la crescita professionale. La scelta della piattaforma è importante per utilizzare servizi adeguati agli investimenti con i CFD, come grafici ottimizzati per l’analisi finanziaria e stop loss per l’impostazione di ordini automatici di vendita in caso di perdita.

Dopodiché bisogna definire il proprio stile di trading, ad esempio concentrandosi sul day trading per aprire e chiudere posizioni all’interno della stessa giornata di negoziazioni, oppure sul position trading per operare con orizzonti temporali di medio o lungo termine. Un altro aspetto essenziale è l’utilizzo di capitali adeguati su ogni investimento, affinché errori e previsioni sbagliate non compromettano la sostenibilità del lungo periodo.

Da non sottovalutare è la scelta dei mercati su cui operare, con gli esperti che consigliano di cominciare con settori che si conoscono bene e mercati con un buon volume di scambi. In questo momento una delle migliori opzioni è la Borsa di New York, la cui crescita è favorita dalle politiche monetarie espansive della FED, sulla quale è possibile ottenere informazioni tramite il sito Borsainside.com, dove trovare tutto quello che devi sapere su Wall Street, con tantissime news, analisi e approfondimenti realizzati da professionisti del settore.

Le migliori strategie di trading CFD secondo gli esperti

Quando si inizia a investire sui mercati finanziari con i CFD è indispensabile essere a conoscenza dei vantaggi e dei rischi di questi strumenti, imparando tutte le regole che caratterizzano il trading tramite contratti per differenza. Innanzitutto bisogna sapere cosa sono i CFD, studiandone il funzionamento e tutte le possibilità che possono fornire a un trader, per capire come sfruttarne le potenzialità minimizzando il rischio e massimizzando le opportunità d’investimento.

Naturalmente, è necessario pianificare sempre una strategia di trading, definendo quali sono i propri obiettivi finanziari e il tipo di propensione al rischio che si è disposti ad assumere. Inoltre è importante scegliere uno stile di trading, adottando tecniche adatte alle proprie esigenze come lo scalping, il day trading, lo swing trading o il position trading, analizzando con attenzione i pro e contro di ogni approccio per individuare quello più in linea con le proprie necessità.

Ovviamente, bisogna controllare il rischio in maniera efficace attraverso l’impostazione di stop loss e take profit, limiti che permettono di chiudere una posizione quando l’andamento dell’asset supera i parametri identificati per una corretta gestione dell’investimento, evitando di esporsi eccessivamente su un singolo trade. Con i CFD è anche essenziale mantenere sotto controllo le emozioni, per investire in modo consapevole rimanendo concentrati sulla strategia di trading, partendo sempre dall’analisi finanziaria senza mai operare in maniera improvvisata.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!