Borse e shopper personalizzate in cotone, una scelta rispettosa dell’ambiente

Regalare degli accessori ai propri clienti è una soluzione ottimale per fidelizzarli. Per esempio, si potrebbe ricorrere alle shopper personalizzate in cotone organico, differenti rispetto a quelle in cotone classico. Che cosa cambia? Prima di scoprirlo, è necessario conoscere le caratteristiche del cotone, che rappresenta la fibra tessile naturale più usata a livello mondiale, visto che copre più o meno il 50% del fabbisogno planetario sul mercato tessile. Per ottenere la fibra del cotone è necessario filare la bambagia, che è formata da batuffoli che rivestono i semi della pianta.

Il cotone organico

Optare per il cotone organico vuol dire prendere una decisione apprezzabile dal punto di vista etico, visto che si traduce in una scelta ecosostenibile. Ma ci sono molti altri benefici concreti che ne derivano, visto che il cotone organico è superiore, sul piano della qualità, a quello tradizionale, ma anche a molte altre tipologie di tessuto. Ciò si spiega con il fatto che il cotone organico si raccoglie a mano, e questo permette di non danneggiare l’integrità delle fibre. Nel caso del cotone classico, invece, la raccolta viene effettuata a macchina: questo procedimento ha l’effetto di rovinare la purezza delle fibre, le quali risultano meno resistenti e più corte.

Perché scegliere le shopper in cotone organico

È facile capire, a questo punto, il motivo per il quale le shopper in cotone organico sono destinate a durare di più rispetto alle altre, visto che garantiscono standard di resistenza più elevati. Possono essere usate per più tempo, quindi, e inoltre si dimostrano più piacevoli al tatto, essendo più morbide. La resistenza non è un dettaglio da sottovalutare, perché non è mai simpatico ritrovarsi in mezzo alla strada con una borsa della spesa squarciata e tutti i prodotti per terra. La qualità superiore del cotone organico è essenziale se si è in cerca di shopper da distribuire come gadget promozionali. È vero che questo materiale ha un costo un po’ più elevato rispetto al cotone classico, ma la certezza di destare una buona impressione tra i clienti merita un investimento di questo tipo.

Le soluzioni di StampaSi

Le imprese che sono in cerca di borse personalizzate per la promozione aziendale possono fare affidamento sul servizio di StampaSi.it, che si avvale delle tecnologie di stampa più all’avanguardia per la personalizzazione. A seconda delle esigenze si può optare per la stampa digitale, per il ricamo, per la tampografia o per la serigrafia: in ogni caso vengono utilizzati strumenti di ultima generazione che hanno la capacità di massimizzare le performance ma, soprattutto, di garantire qualsiasi tipo di personalizzazione, per andare incontro alle richieste dei clienti, alle loro aspettative e alle loro preferenze.

Come utilizzare le shopper personalizzate

Le borse personalizzate possono essere adoperate per motivare i clienti a scegliere un brand. Si tratta di un mezzo promozionale i cui effetti durano a lungo nel tempo, e che si fa apprezzare per il suo rapporto qualità prezzo più che vantaggioso. Il cotone organico non è sottoposto a trattamenti a base di sostanze chimiche ed è un materiale al 100% naturale. Perché possa essere considerato biologico, questo tipo di cotone deve essere basato su semi non modificati geneticamente.

Le differenze con il cotone tradizionale

Le piante di cotone tradizionale nella maggior parte dei casi ricevono diserbanti e pesticidi che vengono distribuiti dall’alto. Questa modalità di distribuzione, però, ha il difetto di inquinare non solo i terreni che ospitano le colture, ma anche quelli dei dintorni. D’altra parte, nessun trattamento chimico è previsto per il cotone organico, che invece viene coltivato con tecniche biologiche e grazie all’impiego di insetti benefici. Un ulteriore aspetto che merita di essere messo in evidenza è quello che riguarda l’irrigazione delle colture: anche sotto questo profilo il cotone organico può essere ritenuto eco-sostenibile. La quantità di acqua che viene impiegata per coltivare il cotone organico è 10 volte più bassa rispetto a quella necessaria per il cotone classico. Infatti, sia i pesticidi che le colture intensive causano danni al terreno, che essendo in condizioni di salute precarie ha bisogno di più acqua. Nessun problema di questo tipo si verifica con il cotone organico, che si coltiva secondo un meccanismo di rotazione che non affatica troppo il suolo. Così, l’equilibrio biologico del terreno viene conservato, anche perché si adoperano fertilizzanti naturali mentre le erbacce si tolgono a mano.

I semi del cotone classico

I semi del cotone classico subiscono trattamenti a base di pesticidi e di funghicidi. Essi, inoltre, sono modificati geneticamente: in pratica vengono manipolati in modo che la pianta non si possa ammalare, così che la richiesta del mercato possa essere assecondata. Insomma, la differenza tra il cotone organico e quello tradizionale è importante, e vale la pena di conoscerla anche se si devono comprare delle shopper promozionali.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!