Eccoci arrivati al tredicesimo episodio di How to get away with murder.

Si riparte dal povero Nate, costretto a subire le peggiori torture mentre i Keating 4 affrontano ognuno a modo proprio il sollievo per come si è messa la situazione.
Mi è bastata la prima scena per amare alla follia la madre di Annalise, perché si è capito subito che si tratta di una di quelle persone meravigliose che sanno equilibrare al meglio l’irriverenza e la dolcezza e che fanno tanti errori ma amano profondamente.
Asher mi fa morire nei suoi goffi tentativi di far ridere o di mostrarsi un super amatore, so funny!!
Finalmente Bonnie ha avuto lo spazio che merita per tirare fuori gli attributi; ho sempre pensato che si trattasse di un personaggio con del potenziale da valorizzare, well done! E Millstone, ovviamente, ringrazia molto sentitamente.
… E poi arriva quello STREPITOSO confronto tra Annalise e la mamma e io resto immobilizzata allo schermo in un turbinio di emozioni differenti: la nostra eroina è stata abusata, ha conosciuto Sam in terapia e lui, malgrado tutti i difetti, è riuscito a salvarla o almeno a farla convivere con se stessa e i fantasmi del passato e forse proprio per questo lei non potrà mai davvero odiarlo.
E vogliamo parlare della confessione a cuore aperto della madre, che chiude il cerchio di dolore e incomprensioni tra le due donne? Grazie a chi ci regala personaggi così sfaccettati e maledettamente veri; il ritratto di questo legame familiare tra due persone forti e fragili, fatto di tanta sofferenza ma anche di sentimenti incommensurabili è stato davvero molto emozionante.
Connor rifiuta il sesso con Oliver perché lo vuole sobrio: ok, prepariamo i documenti per il matrimonio, perché stavolta è proprio perso!
Arrivati a questo punto, Annie riuscirà a salvare quel poveretto di Nate? E Rebecca sarà davvero la colpevole dell’omicidio di Lila?

Per adesso ci fermiamo qui; How to get away with murder vi dà appuntamento a giovedì 26 con il mega finale di stagione di 2 ore! Intanto, nel lasciarvi alla mia photogallery dell’1×13, vi ricordo che, se vi siete persi la recensione dell’1×12, potete leggerla cliccando qui e se volete restare aggiornati su tutti i miei articoli (attualità, recensioni, spettacolo e non solo), potete seguirmi sulla mia pagina facebook. Infine, vi invito a visitare le pagine How to get away with murder Italia, Mi nutro di Serie TV Thank God It’s Thursday • SHONDALAND •

 

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!