Perché si dice che la sigaretta elettronica faccia meno male della sigaretta tradizionale?

La sigaretta elettronica è una fedele compagna di ormai tantissime persone, in quanto viene utilizzata sia da chi è semplicemente curioso di provare qualcosa di nuovo, sia da chi vuole smettere gradualmente di fumare, sia anche da chi vuole continuare a farlo riducendo però i rischi per la propria salute.

Negli ultimi anni gli shop fisici e quelli online si sono sempre più moltiplicati in giro per le città e per il web, e dunque trovare un ecommerce di sigarette elettroniche non è difficile, così come non è difficile trovare tantissimi liquidi per sigaretta elettronica differenti e adatti a tutti i gusti e a tutte le esistenze.

Se dapprima questo dispositivo ha attratto soprattutto i giovani, venendo anche considerato come un accessorio di moda, pian piano si è diffusa a tutte le fasce di età. A cosa deve tutto questo successo la sigaretta elettronica?

La fama che ha raggiunto la sigaretta elettronica è dovuta ai grossi benefici che si riescono a ottenere passando dal fumare la sigaretta tradizionale allo svapo. Tali benefici sono supportati anche da molti studi scientifici, che dimostrano come queste sigarette siano infinitamente meno nocive delle sigarette normali, e che i liquidi che vengono utilizzati in esse non sono cancerogeni.

Mancano al momento degli studi sul lungo periodo visto che le sigarette sono sul mercato ancora da poco tempo, ma nonostante questo gli esperti sono fiduciosi riguardo al fatto che questi liquidi siano praticamente innocui per la nostra salute.

Vediamo allora quali sono i benefici di cui si può godere andando a utilizzare le sigarette elettroniche.

Sigaretta elettronica: i benefici fisici

Tutti conoscono, grazie alle numerose campagne di sensibilizzazione messe in atto negli ultimi anni, quali siano gli effetti catastrofici del fumo di sigaretta tradizionale sul nostro corpo. Queste infatti contengono più di 72 sostanze nocive e cancerogene, che vanno ad aumentare grazie al processo per il quale è possibile fumare la sigaretta tradizionale, ovvero la combustione.

Infatti uno dei problemi principali del fumo tradizionale è proprio la combustione e le sostanze nocive liberate da essa. Nelle sigarette elettroniche invece, il processo di combustione è completamente assente. Infatti il vapore che si viene a creare dai liquidi viene prodotto in maniera totalmente differente.

Le sigarette elettroniche sono infatti dotate di una batteria ricaricabile atta a fornire energia all’atomizzatore, il quale riscalda il liquido da svapo e lo vaporizza. Il finto fumo così prodotto ha quindi una base prevalentemente acquosa, di conseguenza non irrita né i polmoni né nient’altro.

Le conseguenze del passaggio dalla sigaretta tradizionale a quelle elettronica, quindi, sono subito evidenti. I polmoni di un fumatore incallito, infatti, oltre ad essere a rischio di tumore e altre importanti patologie, sono spesso carichi di muco e molto irritati. Il vapore della sigaretta elettronica funziona nelle prime fasi quasi come un “pulitore” per i polmoni, e dunque inizialmente gli svapatori possono avere molta tosse ed eliminare molti muchi, proprio perché l’organismo si ripulisce e elimina tutte le scorie accumulate nel tempo.

In generale, la salute polmonare vede un miglioramento percentuale che va dal 25 al 75%, e da ciò derivano una migliore respirazione e una diminuzione della fatica e dell’affanno che spesso i fumatori provano anche per piccoli sforzi. Di conseguenza migliorano anche e prestazioni fisiche, ed è per questo che gli atleti e gli sportivi che vogliono smettere di fumare spesso si affidano alla sigaretta elettronica.

L’irritazione data dal fumo di sigaretta tradizionale interessa anche i recettori del gusto e dell’olfatto. Infatti non è raro che i fumatori incalliti non siano molto sensibili ai sapori e agli odori, e questo è molto fastidioso sia nella vita di tutti i giorni sia per determinate categorie di lavoratori che utilizzano questi sensi per il proprio mestiere, come ad esempio profumieri, chef, sommelier ecc.

Nel momento in cui si passa alle sigarette elettroniche anche il gusto e l’olfatto ne risentono positivamente, in quanto tornano ad essere quasi normali dopo un po’ di tempo, proprio perché non vengono più irritate dal vapore.

A sparire progressivamente sono anche una serie di inestetismi che vengono provocati dalle sigarette tradizionali. Parliamo di denti e di dita ingiallite, della pelle e dei capelli più spenti e sfibrati e anche, perché no, del cattivo odore di fumo che a volte è inevitabile sentire se si è in presenza di un fumatore accanito. Infatti i liquidi da svapo sono addirittura aromatici e profumati, quindi non danno assolutamente questo tipo di fastidio e in ogni caso non vanno a ingiallire né denti né dita.

Inoltre, uno dei benefici più apprezzati delle sigarette elettroniche è il fatto che il gesto e l’atto dello svapo sono praticamente quasi identici a quelli dell’atto classico del fumare sigarette tradizionali. Questo, per un fumatore pienamente dipendente dalle sigarette e che è ormai affezionato all’atteggiamento e alla gestualità legati a queste, sono degli aspetti fondamentali.

Infatti una delle difficoltà maggiori per i fumatori dipendenti è abbandonare le abitudini legate al fumo: la pausa sigaretta al lavoro o durante lo studio, la sigaretta abbinata al caffè o in compagnia, ecc. Queste difficoltà sono superate dalla sigaretta elettronica che mima questi movimenti e queste abitudini in tutto e per tutto.

Non resta quindi che procurarsi una sigaretta elettronica presso uno shop affidabile, come ad esempio l’ecommerce di Terpy, e fare questo passo importante per la propria salute. Se ancora non si è convinti, si possono invece consultare siti specifici in cui si possono trovare tutte le informazioni di cui si ha bisogno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!