nuove 20 euro
nuove 20 euro

Dopo l’entrata in scena delle nuove banconote da cinque e dieci euro, il vento di cambiamento, inaugurato nel maggio 2013 e proseguito nel settembre 2014, ha ora investito anche il taglio da 20 euro, segnando un ulteriore passo verso un rinnovamento che gradualmente interesserà l’intera valuta cartacea unica europea. A presentarla la Bce: la banconota dal caratteristico colore azzurro, una delle più diffuse e falsificate del continente, entrerà in circolazione a partire dal 25 novembre 2015.

Nove mesi per prepararsi all’introduzione della nuova banconota

La serie Europa, subentrata in sostituzione della precedente, al fine di migliorare il controllo sulla sicurezza e sull’autenticità delle banconote dell’euro-zona, si arricchisce di un ulteriore tassello. Il nuovo biglietto è stato varato dal governatore Mario Draghi nella nuova sede della Bce a Francoforte sul Meno.

«Per agevolare i preparativi in vista dell’introduzione del nuovo biglietto – fanno sapere dalla Bce – sono state divulgate informazioni ai produttori di apparecchiature per il trattamento delle banconote agli altri soggetti interessati, oltre ad aver fornito loro anticipatamente alcuni esemplari del nuovo biglietto per lo svolgimento di test e la predisposizione dei necessari adeguamenti. È stato altresì varato un Programma di partnership, sul modello dell’iniziativa condotta nel 2013 per la nuova banconota da 10 euro, con il coinvolgimento di oltre trecento operatori in tutta Europa; grazie alle ulteriori indicazioni comunicate nel quadro del programma sarà più semplice per i produttori assicurare che i dispositivi di controllo dell’autenticità e le apparecchiature per la selezione e accettazione delle banconote in uso nell’intera area dell’euro siano adottati entro il 25 novembre, quando il nuovo biglietto inizierà a circolare».

Vediamo quali sono le principali novità che verranno introdotte con la nuova banconota.

Una biglietto difficile da falsificare

A beneficiare del nuovo taglio da 20 euro saranno soprattutto i consumatori e gli esercenti, che vedranno ridursi le possibilità di ritrovarsi tra le mani un biglietto falso.
Ecco tutte le novità:
– nell’ologramma è integrata una “finestra con ritratto” che, guardata in controluce, rivela in trasparenza la      figura mitologica di Europa, visibile su entrambi i lati del biglietto;
– un numero verde smeraldo è presente su entrambe le facciate della banconota
– il ritratto di Europa è inserito anche nella filigrana.
«La finestra con ritratto – ha affermato Draghi – costituisce un’autentica innovazione nel settore della tecnologia delle banconote, frutto del lavoro svolto dall’Eurosistema, affinché i biglietti in euro restino difficili da falsificare. Questo traguardo rafforzerà la fiducia riposta nelle banconote dai 338 milioni di cittadini che le utilizzano in tutta l’area dell’euro».

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!