Matteo Diamante tuona: “Ignazio Moser ha avuto vita facile all’Isola dei Famosi”

Matteo e Ignazio

Matteo Diamante si confessa a SuperGuida Tv

Durante la sua esperienza a L’Isola dei Famosi 15 l’ex Pupo Matteo Diamante ha dato dimostrazione di non aver peli sulla lingua, un aspetto del suo carattere che l’ex naufrago ha confermato in una recente intervista rilasciata al portale web SuperGuida Tv. Svelando un retroscena vissuto in Honduras, il ragazzo ha analizzato come la vita di Ignazio Moser in quel di Playa Reunion sia stata molto più semplice rispetto alla sua, fatto entrare come antagonista dei naufraghi nelle vesti di Arrivista.

“Ignazio Moser? Io non ho mai provato invidia nella mia vita, però una piccola verità c’è. Nel senso che, avrei preferito avere un ingresso nell’Isola come il suo. Cioè essere accolto nel gruppo così come è stato accolto lui quindi essere accettato da tutti perché mi avrebbe sicuramente giovato”, ha raccontato l’ex protagonista de La Pupa e il Secchione e Viceversa.

L’ex naufrago parla di Ignazio Moser

Sempre al portale SuperGuida Tv, l’e naufrago de L’Isola dei Famosi 2021 Matteo Diamante parlando sempre di Ignazio Moser, ha detto anche che quest’ultimo ha subito avuto un bel rapporto con tutti quanti, poi essendo uno che si dà da fare è entrato subito nelle grazie di Ubaldo Lanzo che era quello che diceva: “questo è simpatico, portiamolo in finale” e tutti lo ascoltavano.

“Quindi diciamo che ha avuto una vita molto facile e avrei voluto avere la sua stessa vita all’isola, mentre io sono dovuto entrare e iniziare a prendere a manganellate sugli stinchi i concorrenti. Quindi sicuramente una parte di quello che dice Cecilia è vero, cioè che mi sarebbe piaciuto entrare nel reality come Ignazio”, ha fatto sapere l’ex Pupo.

Matteo Diamante: “Ignazio Moser ha avuto un ingresso più semplice”

Sempre nella medesima intervista, Matteo Diamante parlando di Ignazio Moser ha detto che lui è entrato e ha avuto la possibilità di essere amato dalla maggioranza del gruppo. Mentre l’ex Pupo non ha avuto proprio questa possibilità.

“Lui è entrato quando eravamo staccati come gruppi, lui con i Primitivi e io con gli Arrivisti. Quindi io ero con un gruppo di persone che già mi amava, a parte Ciufoli, e quando ci siamo riuniti tutti, nessuno dell’altro gruppo (Primitivi) ha mai provato a conoscermi veramente. O mi vedevano bene”, ha concluso l’ex naufrago ligure.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)