Emanuela Tittocchia affonda Roberto Ciufoli: “Davanti faceva il santo”

Tittocchia e Ciufoli
Tittocchia e Ciufoli

Emanuela Tittocchia contro Ciufoli

Emanuela Tittocchia è tornata a tuonare contro un suo ex compagno d’avventura. Stiamo parlando di Roberto Ciufoli, il comico con cui ha condiviso alcuni giorni a Playa Reunion per L’Isola dei Famosi 15. Intervistata da Radio G -Love TV, l’ex naufraga ha parlato per l’ennesima volta della sua esperienza vissuta in Honduras.

L’ex concorrente del reality show di Canale 5 condotto da Ilary Blasi ha criticato l’ex compagno di gioco con cui ha avuto diverse discussioni, dicendo: “Faceva il santo davanti a tutti”.

Secondo l’attrice il comico diceva delle cose orribili alle spalle

Recentemente, Emanuela Tittocchia ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di Radio G – Love TV. L’ex naufraga della 15esima edizione de L’Isola dei Famosi ha fatto intendere di non aver considerato sinceri gli atteggiamenti che Roberto Ciufoli ha avuto in Honduras. Per tale ragione l’attrice di Centovetrine ha fatto sapere: “In Palapa faceva il comico santo. Sembro accanita contro di lui ma era una cosa insopportabile“.

L’affondo di Emanuela Tittocchia a Roberto Ciufoli

Sempre nella medesima intervista, Emanuela Tittocchia si è scagliato contro il suo ex compagno d’avventura Roberto Ciufoli rivelando un retroscena: “Dietro diceva delle cose terribili”. Nello specifico, l’ex naufraga ha riferito: “Quante volte gli ho detto dilla questa cosa ad alta voce. Questa tipologia di persone qua non le voglio proprio vedere perché non mi piacciono. Ribadisco lo trovo scorretto perché ti stanno pagando per fare il sincero”.

Parlando del percorso a L’Isola dei Famosi 15, la donna ha ammesso: “Se avessi voluto sarei andata avanti, non mi sarei esposta così tanto. Avrei fatto finta di niente. Se io vado su un’isola e uno mi sta antipatico io glielo dico perché il gioco è quello. Non è andare a recitare”. Infine ha lanciato delle frecciatine velenose ad altri ex protagonisti del programma: “Un reality è la rappresentazione della realtà. Di persone vere all’isola credo ce ne fossero quattro, cinque. La maggior parte dicevano cose che convenivano o agivano sempre con strategia. La stessa cosa accade nella vita. Le persone sono più preoccupate ad apparire che ad essere e sono talmente insicure”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!