Enrico Montesano la spara grossa: “Il sangue degli immunizzati viene buttato via”, la smentita dell’Avis

Enrico Montesano
Enrico Montesano

Le pesanti dichiarazioni di Enrico Montesano

Da quando è scoppiata la pandemia, non è la prima volta che l’attore Enrico Montesano sia sui social che in televisione divulga informazioni riguardanti l’emergenza sanitaria e viene prontamente contestato per quanto detto. Ad esempio, un episodio del genere era successo qualche mese fa per l’utilizzo della mascherina protettiva.

Recentemente, invece, il professionista romano ha fatto delle affermazioni forti. Da una fonte dell’Avis ha saputo che il sangue della gente vaccinato contro il Covid-19 non viene usato, ma buttato via perché inutilizzabile. Delle dichiarazioni abbastanza forti che hanno scosso sia l’Avis che il Centro nazionale sangue (Cns). Infatti, entrambi gli enti hanno seccamente smentito quanto detto dal protagonista di Mandraghe.

L’Avis e il Cns smentiscono Montesano

In pratica, stando alle dichiarazioni di Enrico Montesano, essendo utilizzabile il sangue della gente vaccinata, è necessario che ci siano persone che non vogliano farsi il vaccino. Tutto questo per non bloccare le donazioni di sangue.

Dopo tali dichiarazioni, è arrivata la replica delle associazioni che guardano alla mancanza di donatori e infatti il Centro nazionale sangue ha ribadito: “Le persone vaccinate possono tranquillamente donarlo e le sacche prelevate da chi è immunizzato sono utilizzate in questi mesi per le trasfusioni senza alcuna differenza con le altre”.

Pure Gianpietro Biola dell’Avis ha detto la sua sulla vicenda: “Affermazioni pericolose per la salute pubblica e lesive dell’impegno dell’associazione e dei donatori. Donare il sangue dopo aver ricevuto il vaccino anti Covid non comporta alcun rischio né per il donatore stesso né per i pazienti a cui trasfonderlo”. 

La replica del direttore del Cns

Sulla vicenda tirata in ballo dall’attore romano Enrico Montesano, è intervenuto pure il direttore del Cns, ovvero centro Nazionale sangue, Vincenzo De Angelis. Quest’ultimo ha dichiarato: “È molto grave diffondere false informazioni sulla donazione di sangue, specie alla vigilia di un periodo come quello estivo, in cui storicamente si registrano carenze. Non c’è nessuna differenza tra il sangue dei vaccinati e quello dei non vaccinati. Entrambi salvano vite ogni giorno, e anzi ci auguriamo che siano sempre di più i donatori immunizzati. Sarebbe un segno ulteriore dei progressi nella lotta al virus”. 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!