Home Gossip Malika cerca vendetta e sbotta: “Vi siete divertiti a sparlare? Ora mi diverto io” (FOTO)

Malika cerca vendetta e sbotta: “Vi siete divertiti a sparlare? Ora mi diverto io” (FOTO)

0
Malika cerca vendetta e sbotta: “Vi siete divertiti a sparlare? Ora mi diverto io” (FOTO)

Malika perde le staffe sui social

Da qualche giorno in rete e sui social network non si fa altro che parlare di Malika, la ragazza che è stata cacciata di casa dai suoi genitori perché lesbica. In pratica, sul web si è detto che con i soldi raccolti per lei da un’associazione li avrebbe spesi per comprare una Mercedes e altro.

E mentre la polemica si stava MSN mano sgonfiando la diretta interessata ha deciso di  condividere dei post molto particolari. In pratica, la 22enne medita vendetta e nel suo mirino c’è finito l’allevatore che le ha venduto un bulldog francese da 2.500 euro. Andiamo a vedere nello specifico cosa sarebbe successo.

Il duro sfogo della 22enne fiorentina

A quanto pare, l’allevatore in questione ha deciso di donare quella cifra, ovvero 2.500 euro in beneficenza e Malika è sbottato sui suoi canali social. “In questi giorni vi siete divertiti tutti a spu****armi, da lunedì inizierò a divertirmi io. Voglio iniziare  anticipatamente con una piccola chicca di uno dei tanti che mi sta sme**ando passando da buon samaritano. Ecco il primo buon samaritano, l’articolo lo potete cercare completo. E per quale motivo il signore Gherdovic ha deciso di donare in beneficenza soltanto adesso nonostante fosse a conoscenza già da un mese di chi fossi?”.

Ma colui che che le ha venduto il cane è soltanto il primo, perché la ragazza ha continuato così: “A quanto pare la gente che ha qualcosa da nascondere sta iniziando a tremare. Secondo voi di chi sto parlando?”. (Continua dopo la foto)

Post di Malika
Post di Malika

Malika svela di come spenderà i soldi ricevuti

Circa tre mesi fa la 22enne fiorentina in un’intervista rilasciata al portale web FanPage ha parlato di come avrebbe speso i soldi arrivati dalle due raccolte fondi aperte a suo nome dopo essere stata cacciata di casa.

“Ci tengo a dire che ho un tetto sopra la testa grazie alle poche persone che mi sono state vicino fin da subito, ho da mangiare e non vivo per la strada. Grazie alle donazioni arrivate sulla raccolta fondi Gofundme potrò permettermi di sostenere le spese legali che sto affrontando, di fare la spesa, pagarmi l’assicurazione della macchina e forse addirittura un affitto. Per me era inimmaginabile ricevere così tanto amore e supporto. Sono nata due volte, come dice la canzone che sto ascoltando a ripetizione in questi giorni”, ha detto Malika.