Home Gossip Malika Chalhy, la vicenda finisce in Procura: esposto per truffa aggravata

Malika Chalhy, la vicenda finisce in Procura: esposto per truffa aggravata

0
Malika Chalhy, la vicenda finisce in Procura: esposto per truffa aggravata
Malika Chalhy

Malika Chalhy potrebbe finire nei guai: la sua storia finisce in Procura

Ebbene sì, dopo quello che è emerso negli ultimi giorni la giovanissima Malika Chalhy potrebbe finire ancora una volta nei guai perché la vicenda personale che la riguarda è finita in Procura in seguito ad un esposto da parte del Codacons. Infatti, nelle ultime ore l’associazione dei consumatori ha presentato un esposto sia alla Procura del capoluogo lombardo sia a quella di Firenze per possibile fattispecie di truffa aggravata.

Secondo quanto riportato in tale esposto le responsabilità da accertare non sarebbero solo quelle della 22enne toscana per l’uso che ha fatto del denaro raccolti dagli enti, ma anche delle piattaforme che hanno ospitato le raccolte di tali fondi.

L’esposto da parte dell’associazione dei consumatori

In questo esposto dal Codacons si legge : “Dimostra ancora una volta come nel settore regni l’anarchia: chiunque può chiedere soldi ai cittadini attraverso piattaforme come Gofundme, ma poi non c’è alcun controllo sulla reale destinazione dei soldi raccolti, e le stesse società che ospitano le campagne di solidarietà declinano qualsiasi responsabilità per eventuali usi non conformi ai fondi donati dai cittadini“.

Malika Chalhy, il Codacons ha fatto un esposto: il motivo

Con il denaro ricevuto con la raccolta fondi la giovanissima Malika Chalhy avrebbe acquistato una Mercedes e un bulldog francese del valore di circa 2.500 euro. Compre che la 22enne fiorentina ha anche difeso a spada tratta dicendo in un’intervista rilasciata a Selvaggia Lucarelli per TPI News: “Mi piaceva la razza, devo giustificarmi perché spendo i miei soldi come voglio?”.

Mentre al Corriere della Sera ha cercato in tutti i modi a riparare al danno dicendo: “La gogna me la prendo tutta, ma chi mi ci mette non è migliore di me. A 22 anni nessuno ha fatto uno sbaglio? Ho fatto una scelta affrettata. Magari dovevo trovarmi prima un lavoro“.