Le ultime sull’olio CBD: proprietà e benefici

Si sente sempre più spesso parlare di prodotti derivati dal CBD (cannadibiolo): una delle due sostanze più note della cannabis, che non provoca alcun effetto psicotropo. Ma quali sono le proprietà e le modalità d’uso di articoli come l’olio CBD? Ma, soprattutto, quali sono i benefici correlati a tali prodotti?

La popolarità del di questo principio attivo sta crescendo considerevolmente negli ultimi tempi e per questo è aumentata anche la commercializzazione di prodotti correlati come l’olio CBD di Justbob, ad esempio. Il CBD, infatti, nei Paesi dove può essere consumato legalmente, è considerato dagli acquirenti come una sorta di panacea per una serie di malanni di lieve o media entità. Ecco, dunque, alcuni dettagli sul CBD e i suoi benefici, più o meno presunti.

Olio CBD: come si ottiene?

La prima questione da voler affrontare riguarda le modalità d’estrazione e di lavorazione da cui nasce l’olio CBD, ovvero un prodotto liquido, di norma venduto in flaconi con relativo contagocce.

Ci sono diversi modi per ottenere prodotti del genere: uno dei meno utilizzati riguarda l’utilizzo di alcool e solventi simili, ma per evitare il rischio che le piante vengano contaminate, si stanno imboccando altre direzioni per offrire degli oli CBD naturali al 100%.

In realtà, si tratta di una tecnica abbastanza economica, ma che presenta diversi svantaggi: la conservazione dei terpeni è essenziale per offrire un prodotto realmente efficace. Difatti, uno dei metodi sempre più utilizzati, seppur costoso, riguarda l’estrazione Co₂ Supercritica: l’anidride carbonica raggiunge delle temperature elevate; ecco perché il termine “supercritica”.

A questo punto, passa attraverso il materiale vegetale per dividere i terpeni dai cannabinoidi. Tutto ciò, ovviamente, senza alterare o danneggiare i principi attivi presenti. Se si considera anche la sostenibilità di questo metodo, è chiaro che rientra tra quelli più frequenti: in fin dei conti, consente l’estrazione di CBD puro ed incontaminato.

Quali sono i benefici dell’olio CBD?

L’olio CBD viene assimilato ad una cura del tutto naturale e, al contempo, trova un uso sempre più ampio per la risoluzione di molteplici problematiche. Ciò, non fa altro che ricollegarsi alle proprietà benefiche di tale sostanza, così com’è possibile confutare su fonti affidabili e sicure.

In primis, l’olio CBD può essere utilizzato per le sue proprietà antinfiammatorie e anche antidolorifiche: oltre ad idratare la pelle e ad esser utilizzato per un recupero muscolare rapido, può essere anche applicato per alleviare dolori di vario genere.

Inoltre, un altro beneficio di tale prodotto riguarda la riduzione di sintomi quali ansia e stress: il cannabidiolo è noto per le sue proprietà rilassanti e calmanti. Non a caso, può essere impiegato anche se si palesano disturbi del sonno, così da riconciliare il ciclo sonno-veglia.

Ciò avviene per il semplice fatto che il CBD riesce ad agire sui recettori presenti nel sistema endocannabinoide: nel momento in cui entra in contatto col nostro organismo, agisce sia a livello fisico che mentale. Di conseguenza, si avvertirà una sensazione di benessere psicofisico, godendo anche di livelli di concentrazione maggiori durante le proprie attività quotidiane.

Il CBD e suoi derivati trovano, come già affermato, un campo d’azione realmente vasto: è possibile utilizzare il cannadibiolo per la cura della pelle, in quanto agisce contro rossori, infiammazioni e problemi quali l’acne.

Olio CBD come integratore alimentare: funziona?

L’olio CBD, nel corso del tempo, ha dimostrato anche la propria efficacia nel campo alimentare. In effetti, si tratta di una sostanza che contiene vitamine e grassi buoni, ma è anche priva di glutine e si rivela altamente proteica.

Oltre ad essere un interessante prodotto da inserire in una dieta equilibrata, anche vegetariana, l’olio CBD può essere utilizzato per prevenire alcuni problemi. Ad esempio, è l’ideale per chi soffre di pressione alta o di malattie cardiovascolari. In più, sembra poter essere utilizzato come un alleato contro il colesterolo ed essendo ricco di fibre, aiuta il processo digestivo.

In conclusione, l’olio CBD può contribuire quotidianamente al miglioramento delle proprie prestazioni, sia fisiche che mentali.

Olio CBD è sicuro? Quali sono gli effetti collaterali?

Quando si parla di olio ad alta concentrazione di CBD assunto per risolvere problematiche lievi, sarà sufficiente un consulto medico per capire il dosaggio e la frequenza d’assunzione: ogni soggetto reagisce in maniera differente, per cui è sempre bene avere il parere di un esperto.

Tuttavia, non c’è bisogno di preoccuparsi, poiché acquistando prodotti di qualità e di cui si conosce la provenienza, si avrà la certezza di utilizzare un prodotto naturale, poco invasivo ma concretamente efficace.

Pertanto, gli eventuali effetti collaterali che si stanno per elencare non solo sono abbastanza rari, ma non provocano alcun danno psico-fisico sul lungo termine, tantomeno sul breve. Tra quelli possibili, comunque, rientrano:

  • Stanchezza;
  • Vertigini;
  • Abbassamento della pressione;
  • Variazioni nell’appetito;
  • Dissenteria;
  • Secchezza delle fauci.

Come già spiegato, si tratta di situazioni poco comuni che non caratterizzano la totalità dei soggetti che fanno uso di oli CBD, ma è sempre bene avere un’idea chiara di come il proprio organismo potrebbe rispondere, almeno all’inizio, all’assunzione di sostanze naturali ma a cui non è ancora abituato.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Sabrina Boni: Sono una ragazza qualsiasi, per hobby scrivo, a volte bene a volte meno bene, a voi il giudizio. Sono per indole abituata a dire ciò che penso, questo a volte mi rende antipatica ad alcuni, ma come si sa la verità a volte fa male....