Beppe Vessicchio: “Ho visto Pippo Baudo sistemare i vasi dei fiori all’ingresso dell’Ariston”

Vessicchio e Baudo

Beppe Vessicchio si confessa a Il Fatto Quotidiano

Senza ombra di dubbio tutti conoscono Beppe Vessicchio. Quest’ultimo è diventato popolare e famoso anche per le nuove generazioni grazie alla sua presenza in numerose trasmissioni televisive, come Amici di Maria De Filippi, ma in particolare il Festival di Sanremo.

Il Maestro recentemente ha rilasciato una lunga intervista a Il Fatto Quotidiano, parlando senza alcun timore di quello che accade nell’ambiente che frequenta ormai da numerosi decenni. Durante la chiacchierata il professionista ha fatto delle confessioni interessanti sulla kermesse canora più importante del nostro Paese, che in tanti descrivono come un lungo di stress.

La rivelazione del Maestro su Gianni Morandi

Con tono ironico, a Il Fatto Quotidiano Beppe Vessicchio ha confessato: “Per me no tanto ci posso tornare anche l’anno dopo, mentre gli artisti ne sentono l’importanza, sentono la precarietà del sistema e la tensione è sempre alta. Solo Elio e le Storie Tese sono andati lì per giocare e divertirsi. Gli altri? Ho sentito le mani ghiacciate di persone che hanno sempre mostrato grande sicurezza”.

Dopo tale dichiarazione, il noto Maestro ha reso noto un clamoroso retroscena che riguarda il ragazzo di Monghidoro: “Ho visto la tensione anche in Gianni Morandi: lui è il più navigato, che non stona neanche se gli dai una martellata, prima di entrare era avvolto dall’ansia”.

Beppe Vessicchio e la confessione su Pippo Baudo

Dopo aver svelato dei retroscena su alcuni cantanti, intervistato da Il Fatto Quotidiano Beppe Vessicchio ha detto la sua sui conduttori della kermesse canora che si svolge ogni anno nella cittadina ligure di Sanremo.

“Ho visto Pippo Baudo sistemare i vasi dei fiori all’ingresso dell’Ariston. Come lui nessun altro; a Roma era presente anche alle prove dell’orchestra, a sottolineare la totale immersione nel Festival. Un anno ha pure corretto il finale di Con te partirò di Bocelli, e in altri casi ha cambiato introduzioni troppo lunghe dei brani”, ha fatto sapere l’ex professore di canto di Amici di Maria De Filippi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)