Giampiero Galezzi affonda Paola Ferrari: “Non ne sentirò molto la mancanza, è stata troppo invadente”

Galeazzi e Ferrari
Galeazzi e Ferrari

Giampiero Galeazzi contro Paola Ferrari

Qualche giorno fa a grande sorpresa, Paola Ferrari nei ha annunciato l’addio alla Rai dopo i Mondiali del Qatar che si svolgeranno il prossimo anno. Una rivelazione che non fa né caldo né freddo al collega Giampiero Galeazzi. Infatti quest’ultimo in una recente intervista ha fato sapere: “Non ne sentirò molto la mancanza”.

L’ex commentatore sportivo, raggiunto dal giornalista del Corriere dello Sport, non si è risparmiato nel criticare la giornalista. “Ci ho lavorato parecchio insieme. Ultimamente era molto migliorata. È sempre stata troppo invadente. Monopolizza lo spazio, ha prevaricato il suo ruolo. Prima non si preparava, ora ha imparato a farlo”, ha chiosato l’ex campione di canottaggio. Vediamo nel dettaglio cos’altro ha confidato.

L’ex campione di canottaggio contro la Rai

Oltre a Paola Ferrari, l’ex sportivo Giampiero Galeazzi ha lanciato delle frecciatine velenose anche contro la tv di Stato. “Mamma Rai ti dà e ti leva. Io sono stato fortunato perché a un certo punto ero come Baudo e Martellini messi insieme. Spettacolo e sport. Ho spinto troppo. Dovevo fermarmi prima e pensare un po’ alla carriera. M’hanno fatto veramente di tutto… m’hanno tolto il canottaggio due anni prima di andare in pensione. Un dispiacere enorme. Diceva Lello Bersani: tutto è permesso in Rai fuorchè il successo. Ho pagato questo. Andavo tra la gente e sembravo l’apostolo. Sempre dritto come un treno, mai fregato niente ai detrattori”, ha asserito l’uomo.

Giampiero Galeazzi e le parole al miele per Giovanni Malagò

Intervistato dal Corriere dello Sport, Giampiero Galeazzi ha espresso delle belle parole nei confronti del presidente del Coni, Giovanni Malagò. Quest’ultimo nel 2021 ha visto gli azzurri portare a casa un record storico.

A tal proposito, l’ex campione di canottaggio ha detto: “È un combattente, un uomo che non s’è mai tirato indietro. S’è messo sulle spalle tutto il mondo sportivo, contro i politici che non lo possono vedere. C’ha un c**o grande così, ma se lo merita tutto”. Quelle che sono appena terminate è stata l’edizione delle Olimpiadi che ha visto l’Italia vincere ben 40 medaglie di cui 10 d’oro, 10 d’argento e 20 di bronzo superando il record di Roma del 1960.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!