galateo del matrimonio

Il galateo del matrimonio: alcune semplici ma fondamentali regole da seguire affinché il giorno del “sì” sia perfetto.

Il giorno del matrimonio è la favola che tutte le bambine sognano, ma quando diventa realtà si può trasformare in un incubo; l’organizzazione può diventare una vera e propria corsa ad ostacoli, si possono rischiare “incidenti diplomatici” con parenti ed amici, che portano con se stress e nervosismo. La domanda allora è questa: volete arrivare al fatidico giorno stanchi e arrabbiati?

bon ton del matrimonio

La risposta sarà logicamente negativa. Ecco perché sarebbe utile conoscere qualche regola dettata dal galateo del matrimonio. Oppure, per semplificare ulteriormente le cose, basterebbe affidarsi alle mani esperte di un wedding planner.

Galateo del matrimonio
  • Negli inviti, l’indirizzo sulla busta deve essere scritto rigorosamente a mano.
  • E’ consuetudine, ormai, dividere le spese a metà. Ma secondo l’etichetta, la famiglia della sposa dovrebbe occuparsi degli inviti, delle bomboniere, dei costi della cerimonia e del ricevimento, dell’acquisto dei mobili per la camera da letto; la famiglia dello sposo, invece, dovrebbe occuparsi dell’acquisto della casa, delle fedi, del bouquet della sposa, dei fiori per lo sposo e per i testimoni, e del viaggio di nozze.
  • Il bouquet è un regalo che fa lo sposo e deve essere recapitato a casa della sposa la mattina delle nozze. La scelta va comunque fatta insieme, perché deve essere in sintonia con l’abito della sposa.
  • Lo sposo deve entrare in chiesa al braccio destro della madre (o di chi ne fa le veci) e dovranno aspettare l’arrivo della sposa vicino al sacerdote. Tutti gli invitati devono essere già all’interno della chiesa: i parenti dello sposo nell’ala destra e quelli della sposa nell’ala sinistra. Entrano i paggetti e le damigelle (se previsti) e, dopo, la sposa al braccio sinistro del padre.
  • Alla sposa è concesso arrivare con qualche minuto di ritardo, così da creare la giusta atmosfera di attesa tra gli invitati.
  • Nel caso in cui la cerimonia preveda la presenza di damigelle e paggetti, questi devono essere vestiti uguali ed essere rigorosamente in numero pari.
  • Gli invitati, per il loro abbigliamento, devono assolutamente evitare il bianco, mentre il nero è ammesso solo nel caso in cui la cerimonia si svolga la sera e sia molto elegante e formale.
  • Il giorno del matrimonio la sposa dovrebbe indossare qualcosa di vecchio, come ad esempio un gioiello di famiglia, per portare avanti la tradizione della famiglia e qualcosa di nuovo che simboleggi il futuro del matrimonio; ad esempio qualcosa di prestato da una persona felice, in modo tale che tale felicità arrivi alla sposa. Inoltre, è tradizione che indossi qualcosa di blu come simbolo della purezza della Vergine Maria, ad esempio l’immancabile giarrettiera.

Queste sono solo alcune regole imprescindibili dettate dal galateo del matrimonio, ma ammettiamolo: oggi come oggi alcune di queste sono sicuramente mutate. Parliamo, ad esempio, della suddivisione delle spese: è ovvio che vengano fatte in base alle possibilità economiche delle due famiglie, soprattutto in un periodo di crisi economica come quello che stiamo vivendo! Ci siamo divertiti a giocare un po’ con le regole dettate dal galateo, ma prima di entrare nel fantastico vortice del matrimonio, se volete realmente saperne di più sulla corretta organizzazione e affidarvi ad un esperto del settore, collegatevi al sito dell’azienda Atmosfere oppure visitate la pagina Facebook ufficiale, dove troverete utili consigli e foto di allestimenti e location da favola. Ecco una piccola anticipazione:

galateo del matrimonio
Torta nuziale by Atmosfere wedding planner
galateo del matrimonio
Bouquet by Atmosfere wedding planner

 

 

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!