Il pranzo è servito, la telefonata fa piangere Insinna. La rabbia dei fan: “Lo avete fatto apposta”

Flavio Insinna
Flavio Insinna

Il pranzo è servito e il gioco telefonico

Nel corso di un recente appuntamento de Il pranzo è servito, in onda nel primo pomeriggio di Rai Uno, una telefonata a sorpresa ha fatto crollare il padrone di casa Flavio Insinna e fatto arrabbiare parecchio i telespettatori che si sono riversati sui social.

A vincere la puntata è stata la nuova campionessa Lucia, che realizza anche il Pranzo è servito, facendo suonare le campane dello storico programma portato al successo dal compianto Corrado. Ma è durante il gioco telefonico che è accaduto qualcosa di inatteso. Di cosa si tratta? Andiamo a vedere nel dettaglio cosa è successo.

Un telespettatore non riesce a riconoscere la voce di Fabrizio Frizzi

Tutto il pubblico de Il pranzo è servito che riescono a prendere la linea, una volta a contatto con il conduttore romano devono indovinare ben cinque voci misteriose appartenenti a personaggi famosi.

In una delle recenti puntate, un telespettatore al telefono è stato in grado a scovare alcuni nomi, ovvero: “Corrado, Virna Lisi, Sandra Mondaini… Ma c’è la terza voce che non riesco a riconoscere…”, si legge sul portale Leggo. Dunque, il padrone di casa Flavio Insinna ha fatto riascoltare la voce del personaggio misterioso che dice: “Sono una persona normale, mi piace vivere con il sorriso”.

Flavio Insinna in lacrime, il popolo del web si infuria

Tuttavia quella voce è inconfondibile. Infatti si tratta infatti del compianto Fabrizio Frizzi che è venuto a mancare qualche anno fa a causa di un brutto male. Il telespettatore però non lo ha riconosciuto, anzi lo ha scambiato per Alberto Lupo. A quel punto il viso del conduttore Flavio Insinna si è un po’ spento.

E il pubblico de Il pranzo è servito si è riversato su Twitter per esprimere il proprio dissenso. “Ma come si fa a non riconoscere Frizzi? Insinna era in lacrime…”. E ancora: “Insinna si è commosso ascoltando la voce di Fabrizio”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!