Enock Barwuah si trasferisce in Turchia per lavoro: ecco cosa andrà a fare (FOTO)

Enock Barwuah
Enock Barwuah

Enock Barwuah vola in Turchia: il motivo

Dopo l’esperienza all’interno della casa del Grande Fratello Vip 5, Enock Barwuah ha deciso di lasciare il nostro Paese. L’ex gieffina ha ricevuto una buona proposta di lavoro e per questo motivo ha raggiunto la patria di Can Yaman. Il fratello di Mario Balotelli in questi giorni si è infatti trasferito perché è stato arruolato dalla squadra di calcio Menemenspor che milita nella serie B.

Per l’ex gieffino si tratta di un grane obbiettivo dato che fino ad ora ha sempre giocato in categorie inferiori. In terra turca, naturalmente non sarà solo, visto che ci abita anche suo fratello che gioca però nell’Adana Demirspor Kulübü allenata dal nostro Vincenzo Montella.

L’ex gieffino giocherà in una squadra di Serie B turca

Quindi, dopo qualche anno il gioco del calcio è rientrato nella vita di Enock Barwuah. In un’intervista rilasciata al portale web SuperGuidaTv dopo esser stato eliminato dal Grande Fratello Vip 5, aveva detto che gli sarebbe piaciuto continuare a lavorare sul piccolo schermo.

“Il calcio è la mia passione, sono cresciuto con il pallone tra i piedi. È stata una scelta combattuta ma so anche che qualora mi accorgessi di aver fatto una scelta errata posso tornare sui miei passi e sui miei tacchetti. Se nel mio futuro ci sarà il calcio o la televisione? Nel mio futuro spero ci sarà spazio sempre per qualcosa che mi appassiona, mi piacerebbe anche poter entrare a far parte del mondo televisivo ma sempre attraverso il calcio. Lavorare parlando di calcio sarebbe sicuramente un sogno”, aveva fatto sapere il fratello di Mario Balotelli.

Enock Barwuah raggiunge il fratelo Mario Balotelli

Sono giorni di grandi novità per Mario Balotelli, ingaggiato quest’estate dall’Adana Demirspor. In attesa del primo gol in Turchia, Super Mario sarà allenato dal nuovo tecnico Vincenzo Montella alla ripresa del campionato e potrà stare vicino anche a suo fratello Enoch Barwuah.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!