GF Vip 6, Tommaso Eletti chiama ‘bella topa’ Ainett, è polemica: “Eliminatelo”

GF Vip 6

Tommaso Eletti e il suo giudizio sulle donne

Senza ombra di dubbio Tommaso Eletti era il concorrente più atteso che fanno parte della sesta edizione del Grande Fratello Vip. Già dalla sua clip di presentazione si sono scatenate una serie di polemiche.

Il 21enne romano ha sintetizzato il suo breve percorso a Temptation Island, dicendo: “Mi piacciono le donne con la D maiuscola. Sono sempre stato molto attratto dalle donne più grandi e sono stato con Valentina e siamo stati una coppia molto discussa”.

Le dichiarazioni sul suo passato

La prima puntata del Grande Fratello Vip 6 si è accesa quando i telespettatori da casa e in studio hanno udito le parole di Tommaso Eletti sulla sua compagna Valentina. Ricordiamo che settimane fa il 21enne romano è stato accusato di misoginia e maschilismo, Tommaso Eletti ha alzato il tiro.

“A Temptation Island, volevamo risolvere il problema della mia gelosia. Dopo tre giorni, l’ho tradita davanti a tutta Italia. Sono stato criticato, insultato. Mi hanno dato del maschilista. Ma se a Valentina andava bene, qual era il problema?”, ha asserito il gieffino. A quel punto Alfonso Signorini ha preso le sue difese ma poi gli ha fatto una retorica paternale: “È un po’ un bambino e come tutti i bambini a volte sbaglia”. 

Il commento di Eletti ad Ainette Stephens

Gli autori del Grande Fratello Vip 6 hanno provano sin da subito a mettere in grosse difficoltà Tommaso Eletti. Infatti lo hanno fatto entrare nella casa di Cinecittà con Ainette Stephens, l’indimenticabile gatta nera del game “Mercante in Fiera” su Italia 1.

Era il 2006, ma l’ex partecipante di Temptation Island ricorda bene la modella in quel ruolo sexy. Infatti, si è lasciato andare a un commento che non è di certo passato inosservato: “Che bella topa”. Tutti, conduttore compreso, hanno fatto finta di non sentire ma nel frattempo su Twitter in tanti vogliono la sua espulsione.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Calogero Latino: Non c’è niente di speciale nella scrittura. Devi solo sederti davanti alla macchina da scrivere e metterti a sanguinare. (Ernest Hemingway)