Ainett Stephens parla della sua tragedia: “Mamma e sorella scomparse, le hanno bruciate”

Ainett Stephens
Ainett Stephens

Il dramma familiare di Ainett Stephens

In un’intervista realizzata prima dell’avvio del Grande Fratello Vip 6, il conduttore Alfonso Signorini ha confessato che in questa edizione quasi tutti i concorrenti hanno alle spalle delle storie molto forti e particolare. Questo vale anche per la Gatta Nera del Mercante in Fiera. Nel dettaglio, Ainett Stephens ha raccontato cosa sarebbe accaduto a sua madre e sua sorella nel 2004.

La drammatica confessione della Gatta Nera

Prima di entrare nella casa del Grande Fratello Vip 6 Ainett Stephens ha detto che sua madre e sua sorella facevano import export di prodotti per i capelli. Erano partite per andare in Trinidad, dovevano rientrare in Italia a Natale, ma sono sparite nel nulla. Dicono che le abbiano uccise, forse bruciate, ma loro non abbiamo seppellito nessuno.

“A questo punto non spero molto, è successo nel 2004. Abbiamo denunciato, ma non è servito. Quando sparisci in questo modo, in quei paesi lì, è difficile che arrivi il lieto fine. Abbiamo cercato di darci tanta forza tra noi, ma non è facile. Cosa è successo? Penso che per derubarle le hanno rapite. Io e i miei fratelli cerchiamo di ricordare il meglio dei momenti con mia madre e nostra sorella. Noi abbiamo fatto di tutto per ritrovarle. Ogni cosa, ma le persone dicono che non ci sono più e che hanno cancellato ogni traccia con il fuoco. Per questo ho portato i miei fratelli in Italia”, ha affermato la gieffina.

Ainett Stephens: “Mio figlio autistico”

Ainett Stephens ha anche confessato che suo figlio ha il disturbo dello spettro autistico. Il ragazzino ora ha cinque anni, ma all’età di due ha smesso improvvisamente di parlare. Dopo un controllo, hanno ricevuto la diagnosi: disturbo dello spettro autistico.

“È stato un momento molto difficile, momenti duri, nessun genitore spera di ricevere una notizia del genere. Questa esperienza mi ha cambiato la vita. I primi mesi sono stata molto male, ma dopo, grazie anche alla preghiera, ho deciso di andare avanti. Mio figlio aveva bisogno di una madre forte e coraggiosa. Mi auguro di vederlo crescere e di riuscire a sviluppare al meglio, insieme a lui, le sue capacità“, ha fatto sapere la Gatta Nera.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!