Manuel Bortuzzo, la confessione privata: “Là sotto funziona tutto ma non ho il finale” (FOTO)

Manuel Bortuzzo
Manuel Bortuzzo

Manuel Bortuzzo parla di intimità al GF Vip 6

Dopo averne accennato qualche giorno fa, nelle ultime ore Manuel Bortuzzo è tornato a parlare della sua sfera intima all’interno della casa del Grande Fratello Vip 6. In precedenza il giovane nuotatore ha rassicurato tutti i suoi compagni d’avventura spiegando che “là sotto funziona tutto”, ma di recente confidandosi con Alex Belli il ragazzo gli ha rivelato che non può avere dei figli in maniera tradizionale.

Manuel Bortuzzo: “Le donne con me anche tutta la notte!”

Manuel Bortuzzo parlando con Alex Belli ha spiegato che il proiettile che l’ha preso in pieno un paio d’anni fa gli ha compromesso anche l’apparato riproduttivo e che nonostante riesca ad avere dei momenti di eccitazione, purtroppo non riesce a concludere il rapporto.

“I figli ad oggi non potrei neanche averli, ma uscito da qua andrò alla banca del seme e spero di salvare qualcosa. Là sotto funziona tutto ma non c’è. Mi sono abituato, ormai sono due anni, ho tantissimi altri piaceri. All’altezza mia colpisce proprio quella cosa lì, ora è compromessa. Poi potrebbe tornare eh, ci sono tantissime stimolazioni e faccio già dei cicli di pasticche. Però per ora niente, però essendo che dentro ci sono ancora basta andare alla banca del seme e li prelevo ed un giorno farò l’inseminazione artificiale”, ha fatto sapere il gieffino.

Poi quest’ultimo per sdrammatizzare ha aggiunto: “Con me le ragazze si divertono per tanti motivi. Se guardo l’aspetto positivo posso starci anche tutta la notte!“. (Continua dopo le foto)

Le precedenti dichiarazioni del giovane nuotatore

Qualche giorno prima, sempre al Grande Fratello Vip 6 Manuel Bortuzzo ai suoi compagni d’avventura aveva detto anche: “La sensibilità non c’è più alle gambe. Non sento niente le gambe, sono come morte anche se i peli e le unghie dei piedi mi crescono, il sangue scorre. Insomma, là sotto funziona tutto, scusate eh”.

Per poi continuare così: “Posso dirvi che è stato come in una scena di un film. Il primo colpo mi ha preso al petto ed ha rotto due costole, poi ha perforato un polmone. Poi l’altro è passato a 12 millimetri dall’aorta addominale, sono salvo per un soffio. Se l’avesse presa in pochi secondi me ne sarei andato, me l’hanno assicurato”.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!