Manuel Bortuzzo, il padre confessa: “Lulù non è il suo tipo, rimpiango le sue ex”

Parla il signor Franco, il padre di Manuel Bortuzzo

Stando alle recenti dichiarazioni di Franco Bortuzzo, Lulù Selassié non sarebbe il tipo di ragazza del figlio Manuel. Recentemente intervistato da Giada Di Miceli per la trasmissione radiofonica Non Succederà Più su Radio Radio, il genitore del giovane nuotare ha parlato dell’intesa fra la principessa etiope e suo figlio.

“In quelle circostanze [al Grande Fratello Vip, ndr], si creano altri equilibri, altre sensazioni, altre leve e altre emozioni. Ora la vedo una bella amicizia senz’ombra di dubbio perché Manuel è fatto così con tutte le persone. Non credo al colpo di fulmine”, ha dichiarato l’uomo. Andiamo a vedere nello specifico cos’altro ha fatto sapere il genitore del gieffino.

Franco Bortuzzo parla delle ex fidanzate del figlio

Ma non è finita qui. Sempre a Non succederà Più, Franco Bortuzzo ha poi parlato delle ex fidanzate del figlio Manuel che rimpiange perché erano tutte ragazze stupende e con un carattere molto generoso.

“Obiettivamente, lo dico guardando tutte le sue ex fidanzate che oggi rimpiango perché erano delle ragazze stupende e con un carattere molto generoso, molto affabile. Io non lo vedo con gli occhi presi. Posso dirti che mio figlio quando è preso, lo noti che veramente è cotto”, ha fatto sapere il genitore del concorrente del Grande Fratello Vip 6.

Lulù non è la ragazza ideale di Manuel, suo padre smentisce Signorini

Intervenuto telefonicamente al programma radiofonico Non succederà Più di Giada Di Miceli, Franco Bortuzzo ha smentito il conduttore del Grande Fratello Vip 6 Alfonso Signorini.

Infatti, quest’ultimo durante l’ultima puntata del reality show di Canale 5 aveva parlato di “occhi che sbrilluccicano” di Manuel Bortuzzo nei confronti di Lulù Selassié. Nel frattempo, la principessa di origini etiopi è super gelosa del nuotatore. C’è da vedere se nella puntata di lunedì sera su Canale 5 il conduttore Alfonso Signorini affronterà tale argomento.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!