Quanta energia produce un pannello fotovoltaico e come installarli a casa?

L’impianto solare fotovoltaico contempla l’uso di pannelli che sono in grado di sfruttare l’energia irradiata dal sole al fine di convertirla in energia elettrica.

Negli ultimi anni, sia per ridurre le emissioni dei gas che contribuiscono all’effetto serra sia per i vantaggi che riveste in termini economici e di risparmio, sempre più privati scelgono di installare i pannelli fotovoltaici.

Ma quanta energia per pannello fotovoltaico viene prodotta? Quali sono le sue caratteristiche e come installarli a casa? Scopriamolo!

La potenza in watt dei pannelli fotovoltaici

Un pannello fotovoltaico in genere ha una potenza in watt pari a 200 Wp a 32 V. Per ottenere questi risultati è necessario impiegare all’incirca 50 o 60 celle fotovoltaiche.

Il numero di pannelli solari che invece sono necessari per raggiungere una potenza di 3 KW, ossia di 3 mila watt, è compreso tra gli 11 e i 15, in base anche all’esposizione e inclinazione dei pannelli al momento dell’installazione.

Infatti, a seconda della zona di installazione e delle condizioni climatiche un impianto fotovoltaico con 11 o 15 pannelli, può permette una produzione minima di 3.300 Kwh fino a 4.500 kwh.

Come funzionano i pannelli fotovoltaici

Ogni modulo di un sistema fotovoltaico in media si presenta di una grandezza pari a 1 metro per 1 metro e mezzo e con uno spessore di 2 o 3 centimetri.

Il pannello è costituito da una serie di celle solari che sono collegate tra loro e permettono il funzionamento del sistema fotovoltaico. Infatti, le celle sono realizzate in silicio, un materiale in grado di attivare il processo di elettrificazione grazie alla conversione in corrente alternata mediante un sistema inverter.

Dove installare i moduli fotovoltaici?

I pannelli fotovoltaici possono essere collocati in diverse zone esterne dell’abitazione a seconda della disponibilità e di quella reputata migliore ad accogliere l’irradiazione solare. I moduli fotovoltaici possono essere installati nello specifico: sul tetto, sulla facciata di un edificio oppure a terra.

Durante il sopralluogo che viene svolto da tecnici, viene prodotto uno studio di fattibilità che prevede la valutazione di:

  • La disponibilità dello spazio necessario per l’installazione dei moduli, per ogni 1.000 watt di potenza occorrono minimo 4 moduli.
  • Esposizione e inclinazione corretta sulla superficie dell’abitazione: infatti, i pannelli devono essere rivolti verso sud, eventualmente si può scegliere di porli in posizione sud est oppure sud ovest. L’inclinazione invece, dev’essere compresa tra un minimo di 10° e un massimo di 35°.
  • Assenza di ostacoli che provochino degli ombreggiamenti.

Perché scegliere di installare un impianto fotovoltaico?

L’impianto fotovoltaico installato nelle utenze domestiche permette di ottenere diversi vantaggi. Ecco di seguito quelli principali:

  1. Rispetto e preservazione dell’ambiente: grazie ai pannelli fotovoltaici è possibile limitare l’inquinamento e le emissioni di gas serra che sono legate al ciclo produttivo dell’energia elettrica tradizionale.
  2. Convenienza: risparmi sul costo dell’energia, è possibile infatti produrla per autoconsumo e nel caso usare anche un sistema di accumulo per rendere sempre efficiente l’approvvigionamento energetico.
  3. Aumenta il valore dell’immobile
  4. Affidabilità dell’impianto: i pannelli fotovoltaici sono semplici da mantenere e ha una durata media di 25 anni.
  5. Modularità: si può modificare la potenza, in ogni momento e a seconda delle proprie necessità

Ecco perché sono sempre di più le persone interessate all’installazione dei pannelli fotovoltaici per le utenze domestiche e per l’autoproduzione di energia elettrica.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!