Grasso o gonfiore addominale? Scopri la differenza

Arriva l’estate e come molti di noi sanno non è possibile avere sempre la pancia piatta e perfetta. Alcune persone con la pancetta spesso si vedono più grasse, altre invece sostengono che sia solo un gonfiore addominale, ma qual è la differenza?

La pancia rappresenta per tante persone un “difetto” fisico che può provocare tante insicurezze, ma molto spesso non rappresenta una conseguenza di una dieta alimentare scorretta. Può essere provocata dall’eccesso di grasso, dal gonfiore addominale, dal poco movimento e anche da fattori genetici.

In questo articolo andremo a scoprire qual è la differenza tra grasso e gonfiore addominale. A tal proposito, scoprire la differenza tra meteorismo e flatulenza può risultare molto utile per rimediare a queste problematiche molto comuni.

Grasso e gonfiore addominale: definizioni e differenze

Al contrario di quello che in molti pensano, il grasso sottile o sottocutaneo è un elemento fondamentale per il corpo umano perché protegge muscoli e ossa. Quando il grasso è presente in modo eccessivo forma la comune “pancetta”, tuttavia, non è localizzato solo sull’addome ed è per questo che è possibile avere anche le maniglie dell’amore o del grasso sulla schiena.

Il gonfiore addominale, invece, rappresenta uno stato di tensione che si verifica a livello dell’intestino e dello stomaco. In genere, il gonfiore è causato dalla difficoltà di espellere i gas prodotti oppure dall’iperproduzione di gas, che in genere avviene a causa della fermentazione dei batteri intestinali.

Quando non si espellano correttamente i gas è possibile sentire un disagio fisico, dolore addominale e un gonfiore addominale eccessivo. Quest’ultimo è una conseguenza molto diffusa e causata da diversi fattori, tra cui: un regime alimentare squilibrato, la presenza di intolleranze, mangiare con fretta e non masticare bene, stress e ansia.

Come contrastare il gonfiore addominale?

Il miglior modo per contrastare il gonfiore addominale è seguire un’alimentazione corretta associata alla giusta idratazione. Mangiare molta verdura in estate, se non si beve molto, comporta un eccesso di fermentazione dei gas che contribuisce al gonfiore addominale.

Si consiglia inoltre di non associare gli alimenti che creano fermentazione, ad esempio: evita di mangiare alimenti lievitati assieme ai carboidrati.

Anche l’attività fisica rappresenta un fattore importante per contrastare sia il gonfiore addominale che il grasso.

Come scoprire se la pancia è formata da grasso o gonfiore?

Il primo modo per scoprire qual è la motivazione che si trova alla base della pancia è analizzare la forma dell’addome:

  • Pancia a uovo, è larga e coinvolge i fianchi, indica la presenza di grasso;
  • Pancia a palloncino, è tonda e dura, rappresenta la classica pancia provocata da un gonfiore addominale. La sera è più evidente mentre al mattino è ridotta.

Qual è la differenza tra flatulenza e meteorismo?

Quando la pancia è dura e tonda, quindi provocata da un gonfiore addominale, si assiste al fenomeno di meteorismo. Cosa significa? Il corpo non riesce ad espellere correttamente i gas dall’intestino e nella maggior parte dei casi si assiste anche alla presenza di crampi e dolori addominali.

L’iperflatulenza, invece, provoca solamente un eccessivo aumento di emissione di gas dal retto, un fenomeno che può essere gestito grazie all’assunzione di specifici farmaci.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!