Cani bruciati in Ucraina: gli animalisti insorgono ma il Console non li riceve

 

Andrea Cisternino deve averla sentita forte, fino in Ucraina, la voce degli animalisti che oggi si sono ritrovati davanti all’Ambasciata ucraina di Milano. Insieme alle parole disperate e  dure che i manifestanti hanno urlato contro ai funzionari e al console, ad Andrea saranno arrivate anche le loro lacrime. Oggi in tanti hanno pianto insieme per i 70 cani morti bruciati vivi presso il Rifugio Italia di Kiev, a causa di un attacco feroce e brutale dei Dog-Hunter che , come lo stesso Andrea ha raccontato durante una telefonata in ‘viva voce’ , hanno utilizzato delle bombe Molotov, che non hanno lasciato scampo a quelle creature indifese, piegate e uccise atrocemente dalle fiamme. In prima fila a chiedere giustizia la LEAL – Lega Antivivisezionista, il cui Presidente Gianmarco Prampolini, ha avuto accesso all’Ambasciata, ma solo per pochi secondi, dato che nessuno ha voluto parlare né con lui né con altri esponenti di associazioni animaliste presenti.

leal lega antivivisezionistaLa lettera scritta da Prampolini al Console ucraino

 

Nessun confronto, nessun cenno di dialogo o ascolto, Prampolini è riuscito solo a consegnare una lettera al Console, il quale si è  eclissato immediatamente dopo.

Esaustive le parole di un’ attivista di un altro gruppo sostenitore dell’iniziativa, Cani Sciolti:

“Davanti al Consolato Ucraino abbiamo chiesto un incontro, ma ci è stato negato, così abbiamo consegnato una lettera diretta al console.
Abbiamo gridato, pianto e chiesto protezione per Andrea e tutti i cani e gatti da lui salvati. Abbiamo occupato pacificamente la strada ed urlato tutto il nostro dolore.
Hanno voluto ammazzare i nostri fratelli, hanno messo seriamente in pericolo la vita di due volontarie presenti nel rifugio. Non li lasceremo soli. Non molleremo. Mai! – Ondi”

i manifestanti sotto al Consolato ucraino
i manifestanti sotto al Consolato ucraino

Coraggiose a tratti taglienti le parole di Alessandro Mosso di Animalisti Italiani Onlus, che ha tirato le somme della giornata e ha riassunto perfettamente il pensiero di tutti i presenti e anche di coloro che non sono riusciti ad esserci. Un coro si è alzato e a gran voce ha urlato contro i responsabili di questo scempio:

“Assassini!”

Uno degli interventi più strazianti è stato quello di Roberto Brognano, amico di Andrea e grande attivista, che tra le lacrime ormai incontenibili , ha ricordato a tutti i presenti le parole che l’amico gli ha comunicato poco dopo la tragedia:

“Io dall’Ucraina non me ne vado. Io non abbandono i miei amici.”

attivisti uniti

 

Noi eravamo presenti come attiviste, come persone che credono alla vita, di ogni singola creatura e abbiamo pianto tanto, finché il dolore ha lasciato posto alla rabbia. Scriviamo questo articolo soprattutto per esorcizzarla questa rabbia maledetta che proviamo quotidianamente e per aiutarvi a capire che cosa si possa fare di concreto per dare una mano. 

COME SOSTENERE ANDREA CISTERNINO 

BONIFICO BANCARIO: Banca Monte dei Paschi di Siena Conto intestato a: Andrea Cisternino Cod. IBAN : IT 02 O 01030 01661 000001396774 Cod. BIC/SWIFT : PASCITM1645 Causale: DONAZIONE BENEFICA I.A.P.L. ONLUS UKRAINA Attenzione: se fate copia e incolla del codice IBAN controllate che ci siano tutti i numeri. DATI POSTPAY : Numero carta 4023 6006 6066 0582 RAFFAELLA GUZZETTI Codice fiscale GZZ RFL 60M58 A944N
PER CHIEDERE GIUSTIZIA 
Ufficio consolare dell’Ambasciata d’Ucraina in Italia Telefono: + 39 06 820 03 641, 06 827 12 85, 06 829 32 36, 06 868 948 50 Fax: + 39 06 823706 E-mail: [email protected] Consolato Generale dell’Ucraina a Milano Telefono: +39 (02) 801 333, (02) 869 98 814 Fax: +39 (02) 869 84 863 E-mail: [email protected] Consolato Generale d’Ucraina a Napoli Telefono: 00 39 081 78 75 433 Fax: 00 39 081 60 57 867 E-mail: [email protected], [email protected], [email protected] Per aiutare Andrea Cisternino
PROSSIMO APPUNTAMENTO:
Fiaccolata per ricordare i cani vittima dell’incendio e condividere il cordoglio di Andrea: Piazza Cairoli (MILANO) ore 20.00 – vestiti di bianco e con ceri accesi.
Elena Forlino e Valentina Rubini (Le Metamorfosi di K)
Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!
Articolo precedenteL’origano: gli antiossidanti che non ti aspetti
Articolo successivoTea Tree Oil: origine, utilizzi e proprietà
e Metamorfosi di K è un nuovo servizio che vende idee. Attraverso la costruzione di una profonda empatia con il cliente e una assoluta tutela della riservatezza dello stesso, creiamo su commissione: slogan titoli trovate pubblicitarie lettere formali lettere informali per ogni occasione (d'amore, di scuse, di ringraziamento, di auguri etc.) articoli comunicati stampa recensioni di film, libri, riviste, eventi culturali, fiere etc. saggi elaborazioni di progetti soggetti cinematografici e teatrali favole originali e personalizzate testi per canzoni poesie e ogni altra forma di scrittura creativa. Forniamo anche consigli e supporto per stesura di temi e tesi correzione formale di elaborati già scritti.Informazioni generali contatti: [email protected] cell: 3391396181I nostri ghost writer:LA BLATTA: laureata in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l'Università Cattolica di Milano, scrittrice e drammaturga, articolista freelance, esperta in educazione all'ecosostenibilità, dieta e cultura vegan e animalismo.LA TERZA GEMELLA: attrice, drammaturga, regista, sceneggiatrice, educatrice professionale esperta in pedagogia e letteratura per l'infanzia, direttrice artistica, organizzatrice di eventi culturali.