allattamento al seno

E’ uno dei momenti più emozionanti e belli di sempre, dove si assapora tutta quella intimità che lega una mamma al suo bambino appena nato. Parliamo dell’allattamento al seno.

L’allattamento al seno non si traduce semplicemente come il momento in cui il bambino ha fame e deve mangiare, ma è molto di più. E’ un complesso sistema biologico capace di favorire la sua crescita dal punto di vista fisico, mentale e relazionale. Se da un lato il latte materno ricco di sostanze nutrienti aiuta a crescere il piccolo appena nato in modo sano, dall’altro lato aiuta ad instaurare un contatto tra madre e figlio grazie al contatto “pelle a pelle”. Assumendo la classica posizione dell’allattamento, la madre che tiene il suo piccolo neonato tra le sue braccia non fa altro che trasmettergli serenità e calma, il bambino risulta più tranquillo e meno stressato, anche semplicemente ascoltando la voce o sentendo l’odore della sua pelle.

I benefici per il bambino: quali sono

Dall’allattamento al seno il bambino non può che trarre dei benefici. Fin dalla fuoriuscita del primo latte, il colostro ricco di sali minerali, vitamine e proteine, il bambino riceve tutti i nutrienti di cui ha bisogno per crescere in modo sano e forte. Inoltre è stato dimostrato che i bambini che ricevono il latte materno sviluppano delle difese protettive più efficaci contro gli agenti patogeni esterni che possono causare numerosi disturbi. Infatti il neonato sembra più protetto contro le infezioni respiratorie, intestinali o urinarie, o ancora contro il rischio di allergie. Per questo è consigliato allattare i bambini al seno fino ai primi sei mesi di vita. Addirittura da istituzioni mondiali come l’OMS, l’Unicef e l’UE, è stato indicato che l’opportunità di poter procedere con la pratica dell’allattamento al seno può continuare fino ai due anni del bambino.

 

I benefici per la mamma: quali sono

I benefici dell’allattamento al seno non sono solo per il neonato, ma anche la neomamma riesce a ricavare degli stimoli positivi che agiscono sulla sua salute. Prima di tutto ne vale la sua realizzazione personale come donna e come mamma. Quali sono quindi i benefici per la donna? E’ stato dimostrato che l’allattamento al seno riduce il rischio di contrarre il cancro al seno e alle ovaie, di soffrire di osteoporosi durante la menopausa, di tornare più facilmente al peso forma che si aveva prima dei nove mesi, inoltre tarda il ritorno del ciclo mestruale.

Ecco un video illustrativo per avere qualche consiglio sulla giusta posizione da utilizzare, in questo caso quella frontale:

 

Il cuscino allattamento: cos’è e perché è importante

Se cercate la posizione ideale per allattare vostro figlio, non la troverete mai per il semplice fatto che non c’è. Ogni donna diventata mamma imparerà a conoscere il proprio piccolo e a capire quale sia la posizione più comoda da assumere durante questo momento così magico. Entrambi devono sentirsi a proprio agio che sia seduta o sdraiata, l’importante è che la mamma non sia affaticata, la colonna vertebrale sia appoggiata e che si senta rilassata con la testa e le spalle. Per comodità potete anche procurarvi un cuscino allattamento o anche chiamato cuscino della gravidanza, che si può trovare su siti come Stile Naturale.

Uno strumento molto utile e che può essere usato sia prima che dopo la gravidanza grazie alle sue molteplici funzionalità. E’ un cuscino a forma di U, una sorta di ciambella costituita da un’imbottitura fatta da materiale plastico o pula di farro. La scelta di questo ultimo materiale prevale sull’altro per il fatto che rispetta la natura ed è ecologico. Inoltre grazie al solo contatto con la pelle rilascia l’acido silicico, sostanza fondamentale per le ossa, i muscoli e la pelle. Proprio per questo motivo il suo utilizzo è stato raccomandato dalle ostetriche. Ma non solo. Il cuscino per l’allattamento aiuta a sostenere il neonato durante la poppata per facilitarlo nella suzione. Infatti, ponendo il cuscino attorno alla vostra vita e adagiando il piccolo all’interno, sarà più facile e comodo mantenere questa posizione. Chiudendo il cuscino con il laccio di sicurezza, può prestarsi a diventare una pratica culla. Infatti il piccolo può addormentarsi tranquillamente all’interno, diventando anche un funzionale paracolpi. Il cuscino allattamento è ideale anche per le donne gravide: per sostenere le gambe, per dormire più comodamente o sostenere la schiena tipo negli ultimi mesi.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!