Bici a scatto fisso mode e tendenze

scatto fisso

La scatto fisso è una delle biciclette più in voga del momento, un vero e proprio oggetto di culto.

La moda è partita qualche anno fa dall’America, dove i bike-messenger (i moderni pony express) usano la bici a scatto fisso per aggirarsi agevolmente nel caotico traffico delle metropoli americane per fare le loro consegne.

Ma come funziona questo particolare tipo di bicicletta? Con la scatto fisso, per procedere non bisogna mai smettere di pedalare, mentre per rallentare la velocità, va diminuita la frequenza di pedalata agendo direttamente sui pedali.

Per questo motivo, la bici a scatto fisso non ha il cambio, in quanto dotata di un solo rapporto, e nemmeno i freni, perché per fermarsi basta bloccare di colpo le gambe.

L’assenza di questi componenti meccanici la rendono più agile, leggera e maneggevole rispetto a tutte le altre biciclette.

A differenza di quanto si possa pensare, però, pedalare con una scatto-fisso non è difficile: basta solo qualche giorno di pratica per imparare a muoversi agilmente nel traffico o lanciarsi a tutta velocità per una strada di campagna.

Ma il vero motivo che ha portato la scatto fisso al successo in tutto il mondo è l’estetica.

Diciamocelo, anche l’occhio vuole la sua parte, e tutte le bici a scatto fisso che si vedono in giro si caratterizzano per la cura nei dettagli e l’originalità

Ogni bici scatto fisso è unica perché sono infinite le personalizzazioni che si possono fare. Ecco cosa modificare sulla propria bici a scatto fisso.

Telaio

Il telaio è il cuore, il componente principale, e ciò che identifica la bicicletta.

La tendenza del momento è avere una bici a scatto fisso in stile vintage, quindi out i nuovi telai in carbonio per far spazio a quelli in alluminio, come le vecchie bici da corsa degli anni ‘60 e ‘70.

Sul colore non c’è che l’imbarazzo della scelta: ok le tinte fluorescenti, senza disdegnare un bel cromato.

Manubrio

Anche il manubrio è una parte molto importante della bici a scatto fisso.

Oltre a quelli classici ricurvi da corsa, rigorosamente con nastri colorati come manopole, molto utilizzati sono quelli a “corno” o quelli strettissimi e dritti.

Come materiale, oltre all’alluminio, ricercatissimi e molto particolari sono i manubri in legno.

Segui KontroKultura su Instagram, clicca QUI!